Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Aveva eseguito l'ultima visita 10 giorni fa, pazienti monitorati

NESSUN OSPITE DELLE CASE DI RIPOSO DI TREVISO POSITIVO AL CORONAVIRUS

Contagiato, però, un medico in servizio allo Zalivani


TREVISO - Nessuno degli ospiti delle case di riposo del comune di Treviso, ad oggi, manifesta sintomi di infezione dal Covid 19. A comunicarlo è l'Israa, l'ente che gestische le strutture.
E' però risultato positivo un medico attivo alla residenza Zalivani: il professionista è in quarantena obbligatoria. I due infermieri che hanno collaborato con lui sono in quarantena preventiva volontaria.
Il medico ha visitato dieci giorni fa dieci anziani di un solo nucleo, munito di mascherina protettiva. Tutti i suoi pazienti sono costantemente monitorati e i familiari sono stati avvertititi, ad oggi, tuttavia, non emergono segnali preoccupanti, spiega sempre l'Israa.

L’ente ha predisposto, qualora dovesse verificarsi un caso di contagio, un piano di emergenza per ogni residenza, individuando un’area chiusa dove ospitare in isolamento eventuali casi positivi al test tampone. Le indicazioni date ai lavoratori che operano nelle residenze sono di assentarsi con effetto immediato da lavoro, in quarantena volontaria preventiva, a fronte della presenza di sintomi influenzali. E’ inoltre fatto obbligo agli stessi di segnalare al proprio medico di fiducia la propria situazione o chiamare ai numeri telefonici predisposti per il Covid 19 affinché chi di competenza metta in atto tutte le procedure previste.