Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/351: DOPPIO EAGLE ALL'ULTIMO GIRO, BERGER VINCE L'AT&T PEBBLE BEACH

Il 28enne sorpassa in volata NcNealy, crolla invece Molinari


STATI UNITI - Siamo in California, a Pebble Beach, nella Contea di Monterey, piccola comunità sulla costa del pacifico. Si gioca una Pro-Am atipica, che a causa dell’emergenza sanitaria non viene giocata in compagnia delle celebrità come d’uso, è quindi una normale...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Zaia: "Non voglio sentir dire che tanto muoiono gli anziani"

CORONAVIRUS, PRIME 60 AZIENDE CONTROLLATE IN VENETO

Per l'emergenza la Regione ha investito già 50 milioni


VENEZIA - Sono già 60 le aziende controllate in Veneto dagli operatori degli Spisal sul rispetto delle disposizioni per prevenire la diffusione del contagio da coronavirus nei luoghi di lavoro. Si proseguirà al ritmo di un centinaio di ditte al giorno, partendo da quelle di medie-grandi dimensioni. Finora le verifiche non hanno evidenziato particolari violazioni nelle aziende rimaste aperte, sottolinea il presidente della Regione Luca Zaia. Il governatore invita anche a segnale eventuali casi dove non vengono forniti i dispositivi di protezione o non vengono rispettate le distanze di sicurezza. Non per spirito inquisitorio, ribadisce, ma perché va garantita la salute di tutti.
Zaia, nel ringraziare, a proposito di lavoratori, anche gli addetti dei supermercati, sottolinea come la Regione abbia già investito, dall’inizio dell’emergenza 50 milioni di euro. Risorse destinate in primo luogo all’assunzione di personale medico e sanitario: ai 525 già inseriti, si aggiungeranno nei prossimi giorni, grazie al nuovo bando, ulteriori 486 profili. E poi all’acquisto di apparecchiature e dispositivi di protezione. In particolare le ormai introvabili mascherini: la Regione ha accordi per 2 milioni e mezzo di pezzi dall’estero. Il solo fabbisogno di medici e paramedici, peraltro, ammonta a circa 150mila al giorno. Per questo è ormai in dirittura d’arrivo il progetto di una mascherina made in Veneto.
A differenza dei rappresentanti di altre territorio, Zaia non chiede a chi si trovava qui in vacanza di tornare a casa propria. A tutti, nostrani e foresti, però, rinnova l’appello a non abbassare la guardia: “Non illudiamoci per un piccolo rallentamento nelle statistiche, siamo preoccupati come 5 giorni fa”.