Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Zaia: "Non voglio sentir dire che tanto muoiono gli anziani"

CORONAVIRUS, PRIME 60 AZIENDE CONTROLLATE IN VENETO

Per l'emergenza la Regione ha investito già 50 milioni


VENEZIA - Sono già 60 le aziende controllate in Veneto dagli operatori degli Spisal sul rispetto delle disposizioni per prevenire la diffusione del contagio da coronavirus nei luoghi di lavoro. Si proseguirà al ritmo di un centinaio di ditte al giorno, partendo da quelle di medie-grandi dimensioni. Finora le verifiche non hanno evidenziato particolari violazioni nelle aziende rimaste aperte, sottolinea il presidente della Regione Luca Zaia. Il governatore invita anche a segnale eventuali casi dove non vengono forniti i dispositivi di protezione o non vengono rispettate le distanze di sicurezza. Non per spirito inquisitorio, ribadisce, ma perché va garantita la salute di tutti.
Zaia, nel ringraziare, a proposito di lavoratori, anche gli addetti dei supermercati, sottolinea come la Regione abbia già investito, dall’inizio dell’emergenza 50 milioni di euro. Risorse destinate in primo luogo all’assunzione di personale medico e sanitario: ai 525 già inseriti, si aggiungeranno nei prossimi giorni, grazie al nuovo bando, ulteriori 486 profili. E poi all’acquisto di apparecchiature e dispositivi di protezione. In particolare le ormai introvabili mascherini: la Regione ha accordi per 2 milioni e mezzo di pezzi dall’estero. Il solo fabbisogno di medici e paramedici, peraltro, ammonta a circa 150mila al giorno. Per questo è ormai in dirittura d’arrivo il progetto di una mascherina made in Veneto.
A differenza dei rappresentanti di altre territorio, Zaia non chiede a chi si trovava qui in vacanza di tornare a casa propria. A tutti, nostrani e foresti, però, rinnova l’appello a non abbassare la guardia: “Non illudiamoci per un piccolo rallentamento nelle statistiche, siamo preoccupati come 5 giorni fa”.