Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIŁ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Capraro: "Nostre aziende presidio di legalitą e salute pubblica"

CORONAVIRUS: NUMERO VERDE E MAIL PER IMPRESE E PROFESSIONISTI DEL TERZIARIO

Ascom Treviso attiva servizi per dubbi e assistenza


TREVISO - Molti negozi sono chiusi, ma restano aperti quelli di prima necessità, mentre molti rafforzano e-commerce e consegne a domicilio. Anche l'associazione del settore, Ascom-Confcommercio continua a rimanere operativa. Gran parte dei dipendenti delle sei delegazioni stanno lavorando in smart working, per garantire, pur a distanza, tutti i supporti per gli associati. Per l’emergenza coronavirus sono stati istituiti un numero verde, l’800 16 00 79 (dal lunedi al sabato dalle 8.30 alle 17.30) una mail dedicata numeroverde@ascom.tv.it ed una sezione speciale del sito www.ascom.tv.it.

“E’ stata una scelta - spiega il presidente di Ascom-Confcommercio Treviso Federico Capraro- dettata non solo dal decreto, ma dalla necessità di gestire correttamente e proficuamente l’informazione in una battaglia che non è solo del commercio o del terziario, ma di tutti. Informazione corretta, servizi adeguati, dubbi risolti, aiuti organizzati, pratiche avviate regolarmente, in questa emergenza, fanno la differenza". "Un’impresa - rimara Capraro - che rispetta le regole e sa come farle rispettare ai propri dipendenti e clienti rappresenta un valore non solo per i diretti interessati, ma per la salute pubblica. I nostri uffici, fin dall’inizio dell’emergenza, hanno informato capillarmente gli oltre 4.000 associati del mandamento, decreto dopo decreto, in tempo reale dimostrando di poter svolgere una funzione essenziale, che è quella del presidio della legalità e della salute pubblica. Oggi, sia il commercio che apre garantendoci la sopravvivenza, sia quello che chiude per la salute pubblica, stanno dando prova di grande responsabilità, sacrificio e senso civico. Abbiamo messo in pratica la traduzione del nostro hashtag #confcommerciocè creando, come conseguenza diretta, l’altro #andràtuttobene”.

“Sul piano operativo - spiega il direttore di Ascom-Confcommercio Vincenzo Monaco- abbiamo organizzato il servizio sul modello della comunicazione in stato di crisi, formando una specifica task force di esperti in grado di rispondere non solo agli inevitabili quesiti che il decreto pone a seconda delle categorie merceologiche, ma soprattutto di fornire un’assistenza completa alle imprese ed ai lavoratori autonomi. Si tratta di un’unità operativa costantemente aggiornata ed in diretto contatto con tutti gli uffici interni e le delegazioni, in collegamento con gli Enti locali, regionali e nazionali per ricevere informazioni da restituire a tutti i territori. Dopo le prime giornate di apertura, visto l’elevato numero di chiamate, abbiamo già raddoppiato il personale in servizio. In questa fase di chiusura parziale del commercio è necessario pianificare la riapertura, la ripresa, e sfruttare al meglio le opportunità che deriveranno dai prossimi provvedimenti governativi, regionali o dal sistema Confcommercio. Il nostro impegno è quello di garantire a tutti strumenti, soluzioni e percorsi per affrontare le difficoltà del presente con la certezza di un domani. Il numero verde in sé - fornendo risposte all’emergenza - è uno spazio di confronto positivo che consente a ciascuno di alzare lo sguardo, di individuare la strada per la ripartenza, di fare le scelte migliori per la propria impresa. Consente di pensare positivo".