Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La giustificazione: "Stiamo facendo un flash-mob"

FESTA DA BALLO SUL TERRAZZO IN BARBA AI DIVIETI

Dieci persone scoperte dalla Polizia locale di Treviso


TREVISO - Una festa privata con una decina di persone è stata interrotta ieri sera verso le 20 dagli agenti in borghese del Nucleo commerciale della Polizia Locale di Treviso in una palazzina poco lontano dal centro.
Sulla terrazza dell'ultimo piano era stata infatti allestita una mini-discoteca che gli stessi partecipanti hanno voluto definire, nel tentativo di giustificarsi con gli operatori, un "flash-mob".
"La situazione che abbiamo trovato ha veramente dell'incredibile viste le ferree prescrizioni di rimanere nelle proprie abitazioni - spiega il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo - Musica ad alto volume, luci stroboscopiche, alcuni adolescenti e qualche bambino intenti a far festa sotto gli occhi alcuni genitori. È stata la dimostrazione che, a fronte di moltissimi che stanno rispettando le regole con enormi sacrifici, ci sono ancora alcuni cittadini che non hanno compreso la gravità della situazione. Per i tre adulti presenti alla festa è scattata la denuncia".
"Lo abbiamo detto in tutte le lingue: bisogna stare a casa - afferma il sindaco Mario Conte - C’è chi, nonostante la grave situazione di emergenza sanitaria, fra staff medici stremati e gente che soffre, sceglie di organizzare festini. Queste sono le cose che mi fanno arrabbiare perché sembra che tutti gli appelli non siano serviti a niente. Questa gente, oltre ad essere incosciente, manca di rispetto a tutti coloro che si stanno sacrificando e dimostra di non saper vivere in comunità".
I servizi della Polizia locale per il rispetto delle prescrizioni di legge contro il Coronavirus sono quotidiani, sia in uniforme che in borghese. Sino ad oggi il bilancio dei controlli ha registrato la denuncia di venti persone che si spostavano in città senza valide giustificazioni. In più, tre sono stati i bar trovati aperti di cui uno in via Pancera sorpreso qualche giorno fa con due avventori all'interno. Tra i supermercati controllati sino ad oggi, uno solo è stato sanzionato, in zona Santa Bona, in quanto non faceva rispettare le distanze minime fra i clienti. Nella giornata di oggi è stata scoperta anche una pasticceria rimasta aperta nel quartiere di Santa Maria del Rovere. Per il titolare è scattata la denuncia che prevede una ammenda fino a 206 euro e l'arresto fino a tre mesi.

Galleria fotograficaGalleria fotografica