Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

No all'attracco a Venezia della Costa Victoria

ZAIA: "NON RITIRO L'ORDINANZA"

Confermati il limite di 200 metri e la chiusura domenicale dei market


VENEZIA - Luca Zaia va avanti e conferma la sua ordinanza. In vigore in Veneto, dunque, la distanza limite di 200 metri da casa per corse e passeggiate, anche per portar fuori cani e animali da compagnia, e la chiusura per supermercati e negozi di alimentari nella giornata di domenica.
Nella serata di venerdì, il ministro della Salute Roberto Speranza aveva emesso un suo decreto in cui consentiva l’attività fisica in prossimità dell’abitazione, vietando però l’accesso a parchi e giardini pubblici, mentre non faceva cenno allo stop festivo della vendita di alimentari.
La sovrapposizione delle due normative aveva generato una certa confusione. Dopo essersi confrontato anche con l’ufficio legale della Regione, tuttavia, il governatore ha ribadito come l’ordinanza non sia in contrapposizione con le disposizioni ministeriali e rimanga dunque in essere.
Zaia ha anzi ricordato come, in tema di spostamenti, l’indicazione “in prossimità dell’abitazione” contenuta nel testo statale possa essere interpretata in modo anche più restrittivo dei 200 metri fissati in Veneto. Questa distanza, ha spiegato il presidente, è stata stabilita proprio per dare un parametro certo ai veneti “perchè i veneti sono persone per bene e rispettano quello che viene detto loro di fare, non serve certo mandare l’esercito” ha sottolineato il governatore.
Quanto al commercio, trattandosi di un ordinanza urgente e inderogabile per motivi sanitari, può intervenire in via d’emergenza sugli orari, altrimenti materia non di competenza regionale. Ma anche su questo punto Zaia ha rassicurato: "Lunedì gli alimentari saranno regolarmente aperti".
Da ricordare che, anche nella giornata festiva, resteranno in funzione farmacie di turno, parafarmacie ed edicole.
I rapporti con il governo sono di piena collaborazione, ha ripetuto il presidente del Veneto, auspicando però che, in vista della scadenza del decreto in essere, non si arrivi alla mezzanotte del giorno stesso per emanare quello nuovo, ma ci possa essere il tempo per un confronto con le Regioni. Zaia ha annunciato che è allo studio anche un sistema “non coercitivo” per cercare di capire se una persona si reca più volte al giorno a fare la spesa o comprare medicine, come denunciato da numerosi esercenti e farmacisti.
Il governatore ha anche affermato che nella quotidiana videoconferenza con l’unità di crisi nazionale ha ribadito l’assoluta indisponibilità a far attraccare a Venezia la Costa Concordia, nave da crociera con a bordo circa 1.400 passeggeri, di cui non è chiaro quanti affetti da Covid 19. “Non perché non siamo solidali – ha precisato – ma perché non siamo in grado di assistere un ulteriore quantitativo di malati gravi”.