Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Assindustria: avviate 440 procedure di cig per aziende socie

SI FERMANO SEI IMPRESE TREVIGIANE SU DIECI

Effetto della stretta produttiva decretata dal governo


TREVISO - Sei imprese trevigiane su dieci chiuderanno temporaneamente i battenti per combattere dell'emergenza coronavirus. Vi lavorano, nel complesso, circa 193mila addetti. E' l'effetto della stretta produttiva decretata dall'ultimo decreto del presidente del Consiglio dei ministri proprio per ridurre i contatti e la diffusione del contagio.
Ad essere interessate dalla sospensione, secondo i calcoli della Camera di commercio sulla base delle categorie individuate dal Dpcm, e salvo deroghe, sono 47.138 sedi di impresa e 10.887 unità locali dipendenti, ossia filiali controllate da una “testa” esterna. In totale, 58.025 realtà (i dati si riferiscono al 31 dicembre scorso), quasi il 60% dell'intera platea provinciale.
La Camera di commercio ha messo in piedi un'apposita task force per fornire assistenza sul tema, in collaborazione con Prefettura e Provincia. Si sta definendo in particolare, come devono comportarsi le aziende, e ve ne sono diverse, che svolgono più produzioni, alcune delle quali non essenziali e altre sì.
Un'analoga equipe è stata attivata, dall'inizio dell'emergenza, anche da Assindustria Venetocentro. Negli ultimi due giorni i trenta operatori dedicati hanno ricevuto tra le 70 e le 80 richieste a testa. Tra le istanze, anche quelle relative alla cassa integrazione e agli ammortizzatori sociali: finora sono 440 le procedure avviate da imprese socie, coinvolgendo circa 43mila lavoratori, tra le province di Treviso e Padova.
Mentre i sindacati prospettano uno sciopero generale, ritenendo eccessivo il numero di attività ancora aperto, gli industriali hanno a più riprese sollevato perplessità sulla normativa e, in particolare, sui continui annunci dei provvedimenti via Facebook, in tarda sera lasciando poi aziende e lavoratori nell'incertezza sulle disposizioni definitive.
La presidente di Assindustria, Maria Cristina Piovesana, ribadisce come al primo posto venga la salute e come le imprese, responsabilmente, si adegueranno a tutte le prescrizioni dettate. Sottolinea anche, però, come per Confindustria, l'accordo raggiuinto con i sindacati nei giorni scorsi sulle misure da adottare all'interno degli stabilimenti garantisse un buon livello di sicurezza, e come, dunque, dovesse essere lasciata alle aziende la libertà di proseguire se in grado di assicurare queste condizioni. Ovviamente con controlli rigorosi e chisura per chi violava le regole.
Lo stop, avevano già avvertito i vertici di Assindustria, rischiano di provocare danni irreparabili al sistema produttivo. Quanto possono reggere le imprese questa serrata? "Meno di quel che si pensa - risponde Piovesana -. Anche se un’azienda è in salute dal punto di vista finanziario, è comunque legata ad un mondo di piccole e piccolissime altre imprese. E questo mondo è quello più fragile. Anche le grandi industrie, senza quel mondo, non possono vivere. Il 3 aprile è una scadenza che già comincia a mettere in difficoltà diverse realtà. Io spero non si vada oltre”.