Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/337: L'INGLESE MCGOWAN RE DEL 77° OPEN D'ITALIA

Migliore degli azzurri il vicentino Guido Migliozzi


POZZOLENGO - Giunge alla 77esima edizione l'Open d'Italia, massima rassegna del golf tricolore, nonché una delle più antiche dell’European Tour. Si gioca a porte chiuse allo Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo, splendido percorso che si estende attorno ad...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Federalista convinto, si schierò anche contro il partito

ADDIO A BEPI COVRE, IL LEGHISTA ERETICO

Ex deputato e sindaco di Oderzo, aveva 69 anni


ODERZO - Addio al leghista eretico. Giuseppe "Bepi" Covre si è spento all'età di 69 anni: era malato da qualche tempo, ma gli sarebbe stato fatale un incidente domestico.
Nato a Fontanelle il 3 aprile 1950, imprenditore nel settore meccanico, era stato uno dei pionieri e dei volti noti del movimento leghista in Veneto: deputato nella XIII legislatura, dal 1996 al 2001, era stato uno dei primi sindaci del Carroccio, guidando per due mandati, dal 1993 al 2001 l'amministrazione comunale di Oderzo. In seguito aveva più volte  ricoperto la carica di consigliere comunale ad Oderzo e a Mansuè.
Negli anni '90, insieme a Giorgio Lago e Massimo Cacciari, era stato tra i fondatori del Movimento dei sindaci del Nordest.
Sostenitore del federalismo, apprezzato per la vivacità intellettuale, non aveva mai rinunciato a prendere posizioni controcorrente, anche in contrasto con il suo stesso partito, guadagnandosi il soprannome di "eretico". Tanto nel 2016 è stato espulso dalla Lega, dopo essersi schierato a favore del referendum per la riforma costituzionale promossa da Matteo Renzi, osteggiata dalla segreteria leghista.
"Se ne va un amico, un pezzo di storia fondamentale della Lega che ha scritto pagine importanti nelle vicende della nostra comunità. Per trent’anni è stato un punto di riferimento: per noi che, ragazzini, cominciavano ad assaporare il gusto della politica; per una generazione di amministratori che hanno avuto in lui l’esempio di un grande sindaco, il primo a sdoganare la Lega", l'ha ricordato il presidente della Regione Veneto Luca Zaia.
"Mi mancherà molto Bepi, il suo pensiero ma anche il suo modo di intendere l’amministrazione e quella capacità di visione strategica che sono davvero di pochi. Portò i temi dell’autonomia dal Veneto a livello nazionale. Tutti gli dobbiamo qualcosa ed essere grati", ha ribadito Zaia, porgendo le condoglianze ai famigliari.

Camera di commercio: "Uomo di grande visione politica e capacità imprenditoriale"
"Il pensiero va all'amico Bepi Covre - afferma il presidente della Camera di commercio di Belluno e Treviso, Mario Pozza -. E’ una grande perdita, la perdita di un grande uomo per la sua visione politica, ma anche per le sue capacità imprenditoriali. Con le sue aziende ha lasciato una grande eredità di valore all'economia del territorio. Ai figli, alla moglie e ai suoi soci va il mio messaggio di cordoglio". Pozza continua: "Ho avuto il grande onore di averlo nella mia giunta camerale e anche come consigliere nella grande sfida per l’export del Veneto, il Nuovo Centro Estero Veneto del sistema camerale e regionale. Anche se provato dalla malattia, si manteneva sempre in contatto e voleva essere sempre aggiornato su tutto ciò che accadeva nelle attività della Camera di Commercio. Ricordo la sua ultima telefonata, di qualche settimana fa e la sua sensibilità nel cercare di risolvere i problemi e di trovare valide soluzioni. Come uomo, ricordo la sua gentilezza e il suo gran cuore perché lui si prodigava per aiutare tutti coloro i quali poteva aiutare. Ciao Bepi, è stato un vero piacere averti amico e collega nelle istituzioni".

Assindustria Venetocentro: "Suo contributo sarebbe stato prezioso in questo momento difficile e lo sarà in futuro"
"La perdita di Giuseppe ‘Bepi’ Covre è un grande dolore - nota Maria Cristina Piovesana, presidente di Assindustria Venetocentro -, che è personale, avendo avuto il dono della sua amicizia, di tutti gli imprenditori e la nostra Associazione, che lo hanno visto attivamente presente, della nostra comunità, negli importanti incarichi che ha assunto negli anni e nel contributo costante al dibattito delle idee. Ci ha dato tanto, con generosità e intelligenza, lasciandoci in un momento che è difficile nel presente e lo sarà ancor più nel futuro e dove il suo contributo sarebbe stato come sempre prezioso. Le condoglianze più sentite da tutta Assindustria Venetocentro alla moglie Oliva e ai figli Martina e Giovanni, che con il socio Palmino Greguol hanno lavorato con lui alla crescita di un importante gruppo industriale".
"Bepi - continua le presidente degli industriali di Treviso e Padova - sapeva unire la dimensione imprenditoriale con quella civile, nelle Istituzioni, nell’associazionismo, nella presenza pubblica, coraggiosa e profonda. Un leader, innanzitutto nell’assunzione di responsabilità, nella capacità di scegliere, nel dedicare tempo e ascolto agli altri. E’ importante, nel rimpianto per la sua mancanza, che la sua figura possa essere esempio anche per molti altri e soprattutto per i più giovani, nelle imprese e nel territorio. Ti salutiamo intanto con affetto e un grazie di cuore per la tua vita che hai dedicato al bene di tutti".


Associazione Comuni della Marca: "Amministratore locale nell'accezione migliore"
"Bepi Covre ha interpretato il ruolo di amministratore locale nella sua accezione migliore di difensore delle istanze del proprio territorio al di là degli schieramenti partitici. Questa sua ispirazione è la stessa che anima tanti amministratori locali del nostro territorio e ce lo fanno sentire ancora più vicino in questo momento di lutto. L’Associazione dei Comuni della Marca Trevigiana lo ricorda e lo saluta con stima e affetto". Lo afferma Mariarosa Barazza, presidente dell’Associazione Comuni della Marca Trevigiana. "La sua prematura scomparsa è una perdita significativa per il nostro territorio – aggiunge Barazza – perché in questo momento più che mai abbiamo bisogno di voci critiche di uomini e donne autonomi, che sanno prendersi la responsabilità del proprio ruolo e del proprio dovere fino in fondo e pagare il prezzo delle proprie scelte". La Presidente dell’Associazione Comuni della Marca Trevigiana, a nome di tutti i sindaci della provincia, esprime alla famiglia dell’imprenditore scomparso cordoglio e vicinanza per la perdita del caro Bepi.