Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/337: L'INGLESE MCGOWAN RE DEL 77° OPEN D'ITALIA

Migliore degli azzurri il vicentino Guido Migliozzi


POZZOLENGO - Giunge alla 77esima edizione l'Open d'Italia, massima rassegna del golf tricolore, nonché una delle più antiche dell’European Tour. Si gioca a porte chiuse allo Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo, splendido percorso che si estende attorno ad...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'istruzione ai tempi del Coronavirus

ANNO SCOLASTICO VALIDO ED ESAMI REGOLARI

Ancora 1,6 milioni di ragazzi senza didattica dal 4 Marzo


TREVISO - Continuano per la maggior parte dei bambini e ragazzi italiani le lezioni scolastiche a distanza. Il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina non parla della riapertura delle scuole vista la situazione attuale dei contagi in Italia.
Per ora le scuole restano chiuse, e malgrado il Coronavirus l’attività scolastica, non in aula, bensì online, prosegue, con tutte le sue difficoltà.
Nel frattempo si pensa già a come si svolgeranno gli esami di maturità quest’anno. Commissione interna e presidenti esterni. Questa è l’ipotesi che circola da giorni e probabilmente sarà la soluzione migliore per limitare spostamenti e contatti.
“A scuola si tornerà se e quando, sulla base di quanto stabilito dalle autorità sanitarie, le condizioni lo consentiranno”, queste le parole della ministra dell’istruzione. L’esame di maturità sarà regolare e serio, non ci saranno sconti né percorsi agevolati. L’anno scolastico sarà valido dal punto di vista legale anche se i giorni effettivamente svolti sono inferiori al numero stabilito per legge e se le lezioni a distanza aumentano le differenze nell’apprendimento.
Si pensi che sono rimasti senza scuola 8,3 milioni di studenti. In 6,7 milioni sono stati in qualche modo raggiunti dai professori e stanno seguendo le lezioni, ma sono 1,6 milioni i bambini e ragazzi rimasti ancora senza didattica, dal 4 marzo. Una situazione veramente complicata che si aggiunge all’obbligo dell’isolamento e si aggrava nei casi di bambini problematici, affetti da patologie, che hanno bisogno di essere seguiti e invece possono contare solo sull’aiuto dei genitori, sempre se in questo momento non lavorano.