Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'istruzione ai tempi del Coronavirus

ANNO SCOLASTICO VALIDO ED ESAMI REGOLARI

Ancora 1,6 milioni di ragazzi senza didattica dal 4 Marzo


TREVISO - Continuano per la maggior parte dei bambini e ragazzi italiani le lezioni scolastiche a distanza. Il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina non parla della riapertura delle scuole vista la situazione attuale dei contagi in Italia.
Per ora le scuole restano chiuse, e malgrado il Coronavirus l’attività scolastica, non in aula, bensì online, prosegue, con tutte le sue difficoltà.
Nel frattempo si pensa già a come si svolgeranno gli esami di maturità quest’anno. Commissione interna e presidenti esterni. Questa è l’ipotesi che circola da giorni e probabilmente sarà la soluzione migliore per limitare spostamenti e contatti.
“A scuola si tornerà se e quando, sulla base di quanto stabilito dalle autorità sanitarie, le condizioni lo consentiranno”, queste le parole della ministra dell’istruzione. L’esame di maturità sarà regolare e serio, non ci saranno sconti né percorsi agevolati. L’anno scolastico sarà valido dal punto di vista legale anche se i giorni effettivamente svolti sono inferiori al numero stabilito per legge e se le lezioni a distanza aumentano le differenze nell’apprendimento.
Si pensi che sono rimasti senza scuola 8,3 milioni di studenti. In 6,7 milioni sono stati in qualche modo raggiunti dai professori e stanno seguendo le lezioni, ma sono 1,6 milioni i bambini e ragazzi rimasti ancora senza didattica, dal 4 marzo. Una situazione veramente complicata che si aggiunge all’obbligo dell’isolamento e si aggrava nei casi di bambini problematici, affetti da patologie, che hanno bisogno di essere seguiti e invece possono contare solo sull’aiuto dei genitori, sempre se in questo momento non lavorano.