Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ora scatteranno i controlli se possono rientrare nelle deroghe

APERTE NONOSTANTE IL DECRETO, LA CGIL SEGNALA 12 AZIENDE ALLA PREFETTURA

Visentin: "Rispettare la legge a tutela della salute di tutti"


TREVISO - La CGIL trevigiana ha segnalato ieri, venerdì 27 marzo, alla Prefettura di Treviso una lista di aziende del territorio che non risponderebbero alla normativa sulla chiusura delle attività produttive prevista dal Decreto del Governo del 22 marzo. Aziende, secondo il Sindacato, non conformi alla fattispecie per le quali è consentita la prosecuzione dell’attività avendo i requisiti di strategiche e essenziali in questa fase.

Un passaggio questo con la Prefettura previsto dal Decreto del Governo al fine di monitorare l’applicazione della normativa sul territorio provinciale e che vede coinvolto il Sindacato attraverso l’azione delle Rappresentanze dei Lavoratori nelle aziende e nelle fabbriche. Sono una dozzina le segnalazioni portate all’attenzione della Prefettura che dovrà verificarne la conformità rispetto alla normativa in vigore al fine di contrastare la diffusione dell’epidemia da Covid-19.

Nel segno della collaborazione tra Istituzioni e Parti Sociali, sarà la Prefettura stessa a informare periodicamente i Sindacati delle comunicazioni ricevute dalle imprese e dei provvedimenti presi. Lo scopo comune, come previsto dalla direttiva nazionale, è quello di assicurare la funzionalità della attività delle filiere produttive autorizzate dalla legge, nonché dei servizi di pubblica utilità e di quelli essenziali e comunque funzionali a fronteggiare l’emergenza.

“Crediamo in questa collaborazione con la Prefettura al fine di svolgere al meglio un ruolo di rilievo in questo momento che non è solo quello di monitorare il territorio e vigilare sulla corretta applicazione della legge sul contenimento dell’epidemia – afferma Mauro Visentin, segretario generale CGIL Treviso –, ma anche quello di compiere appieno il compito proprio del Sindacato, ovvero quello di tutelare lavoratori e cittadinanza. E quale tutela è più importante oggi se non quella della vita e della salute di tutti. Per questo nessuno può sgarrare o fare il furbo”.