Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Frenano i ricoveri in Intensiva: 7 nuovi casi

EMERGENZA CORONAVIRUS, 20 DECESSI NELLA NOTTE IN VENETO

Contagiati a quota 8mila, 20mila in isolamento


VENEZIA - Venti nuovi decessi in Veneto nella notte a causa delle complicanze del Covid 19. La provincia più colpita è Verona con 12 nuove vittime. Salgono così a 362 i morti, in regione, dall’inizio dell’epidemia. Ancora in crescita anche il numero dei contagiati, ormai poco inferiori a 8mila, con un incremento di 280 casi da ieri pomeriggio. Sono ventimila le persone in isolamento domiciliare.
1864 pazienti sono ricoverati negli ospedali veneti, di cui 344 in terapia intensiva, con un aumento di 7 unità. Crescono fortunatamente anche i guariti: finora sono stati dimessi, grazie al miglioramento delle loro condizioni di salute, 655 soggetti.