Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Dall’inizio del "blocco" 12 telefonate di richiesta di aiuto

DONNE COSTRETTE IN CASA CON I LORO COMPAGNI VIOLENTI

Il Centro Antiviolenza del Telefono Rosa di Treviso: non lasciamole sole


TREVISO - Le case, che per tutti noi oggi sono il luogo più sicuro per limitare il rischio del contagio, non lo sono per moltissime donne che sono costrette a passare molto più tempo con un partner che le maltratta.
Dal 10 marzo, giorno del blocco totale per Coronavirus, a ieri, sono state 12 le telefonate di richiesta di aiuto giunte al Centro Antiviolenza del Telefono Rosa di Treviso. Un numero che, se sommato alle 32 arrivate da inizio anno portano a 44 le donne che in questi primi 3 mesi dell’anno hanno vissuto situazioni di difficoltà in casa e che hanno chiesto aiuto.
Nel solo 2019 le donne vittime di violenza prese in carico dal CAV Telefono Rosa di Treviso sono state 174.
Per molte di loro, ora che il compagno è presente in casa durante tutta la giornata diventa difficile parlare al telefono.
È per questo che il CAV Telefono Rosa di Treviso, attraverso l’impegno delle Operatrici Specializzate all’Accoglienza, Psicologhe e Avvocate, ha deciso di incentivare la disponibilità di contatto anche con forme diverse come messenger o email e di approcciarsi telefonicamente in modo ancora più discreto.
“In questi giorni di estrema incertezza, di sospensione delle attività, noi operatrici del CAV TELEFONO ROSA DI TREVISO vogliamo dire a tutte le donne che NOI CI SIAMO. Basta chiamare 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 al numero 0422 583022 o scrivere via email a telefonorosatreviso@libero.it. - Fa sapere la dottoressa Monica Inio Coordinatrice del Centro Antiviolenza Telefono Rosa di Treviso. “In un momento in cui è giusto fermarsi per la salute pubblica e per il bene di tutte e tutti noi, siamo consapevoli che la violenza nelle relazioni intime non si arresta e che al contrario si amplifica nei momenti di crisi perché la paura per il Covid-19, e la conseguenza incertezza economica che potrebbe derivarne rischiano di essere ulteriori cause scatenanti di violenza in casa da parte dei compagni- fa sapere la dottoressa Rita Giannetti Presidente di CAV Telefono Rosa - Non diventa inoltre per nulla facile in questo periodo fare ricorso agli ospedali già gravati dai tanti pazienti. Per questo chiediamo a tutti, in questo periodo di emergenza, di non lasciare sole le donne e i loro figli”.
L’appello del Centro Antiviolenza del Telefono Rosa di Treviso è quello di continuare a chiamare e diffondere a tutte il messaggio #NOICISIAMO #LAVIOLENZANONSIFERMA #NOISIAMOCONTE perché troppo spesso la violenza c’è anche nei luoghi più impensabili.

Ascolta l'intervista al link qui sopra