Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Trovato morto a 68 anni nella sua carrozzeria

ADDIO A CARLO DAL PIVA, STORICO CAPOGRUPPO DEGLI ALPINI DI SOLIGO

Aveva passato il testimone a inizio gennaio


FARRA DI SOLIGO - Un lutto improvviso scuote la comunità di Soligo. Carlo Dal Piva è scomparso oggi, a 68 anni.
Si era recato come ogni giorno nella sua officina: svolgeva infatti la professione di carrozziere. La moglie, non vedendolo rientrare, dopo qualche tempo era andata a cercarlo, ma l'ha trovato ormai senza vita.
Del Piva era conosciutissimo in paese, soprattutto per essere stato per molti anni il responsabile del locale gruppo dell'Associazione nazionale alpini: in questa veste era stato sempre in prima fila in molteplici attività ed iniziative a carattere sociale e ricreativo. A fine gennaio, aveva passato il testimone alla guida delle penne nere solighesi ad Antonio Moschetta, pur rimanendo nel consiglio del gruppo. I tanti che l'hanno conosciuto, ne ricordano la grande disponibilità e l'impegno quando c'era da dare una mano.
Oltre alla consorte, lascia due figlie e alcuni nipoti.