Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Telemedicina e consulenza a distanza

GLI PSICOLOGI DELL'ULSS 2 NON SI FERMANO

La Psicologia Ospedaliera resta vicina ai suoi pazienti


TREVISO - Il Servizio di Psicologia ospedaliera dell’Ulss 2 Marca trevigiana, diretta dal dr. Massimo Pior, non si ferma e sta vicino ai suoi pazienti con la telemedicina. Il servizio in questione, in linea con le Direttive della Regione Veneto, per il contenimento della propagazione del Coronavirus, grazie alla collaborazione del personale medico ed infermieristico delle varie UU.OO. di degenza e quello tecnico, ha voluto garantire continuità alle attività di consultazione/colloquio richieste dai reparti Ospedalieri attivando sia dei canali telematici che quelli telefonici di consultazione. “Le stesse attività di aiuto digitale o telefonico è stato, inoltre, attivato anche per i familiari dei pazienti ricoverati. Con i medesimi modi e mezzi è stata offerta continuità all'attività clinica, sia individuale che di gruppo, a tutti i pazienti che sono in carico o vengono per la prima volta segnalati e che attualmente si trovano a casa nella contingente impossibilità di raggiungere la sede del servizio. Rimanere assieme è possibile se insieme si continua a condividere e costruire”. Come immediata risposta alla sospensione delle visite presso il Servizio era stato inviato del materiale informativo e psicoeducativo ai pazienti. La prima settimana di telemedicina del Servizio di Psicologia ospedaliera ha visto la conduzione di 55 colloqui con altrettanti pazienti e familiari. L'accesso al servizio è possibile previa segnalazione del reparto o Servizio Specialistico Ospedaliero. In settimana è prevista la conduzione di 3 gruppi di pazienti (complessivamente una ventina di persone) che avranno la continuità del servizio.