Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

2.800 imprese hanno fatto richiesta di proseguire, 1.600 le pratiche esaminate

STOP A QUASI UNA RIAPERTURA SU DIECI NELLA MARCA

La Prefettura ha sospeso 120 attività


TREVISO - Sono 2.800 le imprese trevigiane che hanno presentato la richiesta di proseguire l'attività, nonostante il loro specifico segmento non rientri in quelli esplicitamente autorizzati a proseguire dal decreto del governo del 22 marzo scorso.
La prefettura di Treviso sta lavorando a pieno ritmo per esaminare le domande pervenute: finora sono state istruite circa 1.600 pratiche.
Come ricorda il prefetto Maria Rosaria Laganà, la norma prevede che, alla stregua degli spostamenti delle persone fisiche, siano le aziende ha comunicare una sorta di autocertificazione sulla necessità di continuare ad operare. L'Ufficio territoriale del governo svolge i relativi controlli, nel caso sospendendo l'attività: ad oggi sono circa 120 i provvedimenti sospensivi adottati. A questi si aggiungono altre 15 spospensioni adottate in via prudenziale, poichè la domanda inizialmente inviata dall'impresa era incompleta, e poi revocate nel momento in cui la ditta ha integrato la documentazione. Nel complesso, sottolinea il prefetto, una quota in linea con quella di altre province simili per caratteristiche del tessuto economico.
Solo per pochi specifici casi, stabiliti dal decreto, il prefetto emana un'apposita autorizzazione: si tratta delle industrie dell'aerospazio e delle difesa o comunque ritenute di rilevanza strategica nazionale. Nella Marca sono giunte all'istituzione di piazza dei Signori, sei richieste di questo tipo e solo una è stata accolta.
Per quanto riguarda la collaborazione con i sindacati, Cgil, Cisl e Uil di di Treviso sono state coinvolte fin da subito, attraverso videoconferenze", sottolinea una nota della Prefettura. "Il coinvolgimento, concordato, prevedeva la segnalazione, da parte dei sindacati, di casi di prosecuzione di attività ritenuti non consentiti che sarebbero stati esaminati dagli uffici della Prefettura con priorità, non appena individuati nella massa comunicazioni pervenute - spiega ancora il comunicato - inoltre, la Prefettura avrebbe aggiornato i sindacati sulle decisioni assunte riguardo i casi segnalati e, più in generale, sull’andamento dell’ attività di verifica".

"Ad oggi - conclude la nota - le segnalazioni pervenute dalle organizzazioni suddette sono state 13, di cui sette esaminate. Per una ditta segnalata è stata adottato un provvedimento di sospensione; le altre invece sono risultate funzionali a filiere di attività consentite. Di ciò i sindacati sono stati puntualmente informati e non hanno avuto nulla da replicare. Ai segretari provinciali Cgil, Cisl e Uil è stata anche prospettata la possibilità di esaminare in ambiente protetto tutte le comunicazioni qui pervenute , per ogni ulteriore contributo all’esame puntuale delle stesse. Tale invito è stato per il momento declinato".