Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Solo ieri 13 vittime nel Trevigiano

NELLA MARCA 153 I DECEDUTI DALL'INIZIO DELL'EPIDEMIA

Tra i deceduti Franco Gava e Renzo Dussin. Filippini in terapia intensiva


TREVISO - Sono 13 le vittime del coronavirus sella giornata di ieri nella Marca: 12 nel Trevigiano e un asolano, Renzo Dussin, è morto a Cittadella. Mai così tante in un solo giorno. Si arriva a 153 morti dall'inizio della pandemia nella provincia di Treviso.
Dussin era stato per anni delegato comunale della Coldiretti, presidente dell'Action Volley, e poi era sempre impegnato nel Calcio Asolo e nella Fiera di Casella. Conosciuto da tutti nell'asolano, le ultime energie le aveva dedicate al restauro della chiesetta di San Rocco, nel crocevia di casella d'asolo. 
Tra i deceduti c'è anche l'arbitro e ferrarista Franco Gava, che dopo una lotta di un mese contro il virus, non ce l'ha fatta. Aveva 73 anni, era originario di Codognè ma abitava a San Vendemiano. Da giovane era stato arbitro in serie B, e da 4 anni era presidente del Ferrari Club del Piave. Inoltre Gava con la scuderia era partner dell'Expo di Conegliano.
Il virus colpisce soprattutto nelle case di riposo: ad oggi nella Marca sono 66 gli anziani deceduti in ospizio. 
E poi c'è Arturo Filippini, ideatore del marchio Toulà e storico ristoratore trevigiano di "Alfredo", che sta invece lottando contro la morte. Si trova in terapia intensiva al Ca' Foncello di Treviso, e assieme ai medici, combatte contro questo maledetto virus. Forza Arturo!