Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sanzioni amministrative per 1.600 euro

PESCA ABUSIVA AL LIDO, SEQUESTRATE 160 NASSE

I controlli della Guardia Costiera di Venezia continuano anche con il Covid 19


VENEZIA - 160 nasse oltre ad ancore, gavitelli e materiale vario sequestrato a carico di un pescatore sportivo di frodo dalla Guardia Costiera di Venezia nei pressi del Lido. Sanzioni per € 1.600.
Gli uomini del Comando della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Venezia, nell’ambito dei routinari controlli in materia di pesca marittima hanno individuato nelle acque antistanti il Lido di Venezia, a pochi metri dalla costa, un pescatore non professionale che, privo delle necessarie autorizzazioni, svolgeva attività di pesca illegale utilizzando circa 180 nasse (attrezzi per la cattura delle seppie, che non sono consentiti per la pesca sportiva).
Questo materiale il cui valore è di circa 4.000 €, è stato recuperato e posto sotto sequestro. Al pescatore, che non era in grado di esibire alcun documento, né personale né dell’unità da diporto impiegata, ed in palese violazione anche delle attuali prescrizioni atte al contenimento del rischio epidemiologico, sono state fatte 3 sanzioni amministrative per un totale complessivo di € 1600.
L’attività di controllo in mare, che prosegue senza interruzione da parte degli uomini della Guardia Costiera durante la contingente emergenza sanitaria Covid-19, mira a tutelare anche tutte le imprese e gli armatori regolarmente autorizzati e rispettosi delle norme di settore che continuano a garantire, nonostante il periodo emergenziale, il regolare approvvigionamento dei prodotti della pesca.

Galleria fotograficaGalleria fotografica