Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/324: RENATO PARATORE TRIONFA AL BRITISH MASTERS

Successo azzurro al primo dei tornei britannici dell'Eurotour


NEWCASTLE-UPON- TYNE (GB) - L’European Tour riprende il suo circuito con il Betfred British Masters, primo della serie dei sei tornei denominati “UK Swing”, programmati in Inghilterra e in Galles. I sei tornei, tutti a porte chiuse, terranno impegnati i migliori golfisti europei,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/323: IL FRANCESE STALTER VINCE L'EURAM BANK OPEN

Ancora in Austria il secondo torneo di Eurotour e Challenge


RAMSAU (AUSTRIA) - Ecco il secondo dei tornei organizzati in sintonia da European Tour e Challenge Tour, che hanno ripreso l’attività dopo quattro mesi di sospensione per l’emergenza coronavirus. L’Euram Bank segue dopo una settimana l’Austrian Open, oggetto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/322: EUROTOUR E CHALLENGE RIPARTONO DALL'AUSTRIA

È dello scozzese Marc Warren il primo successo dopo il lockdown


VIENNA - Ripartono simultaneamente dall’Austria, European Tour e Challenge Tour, con due tornei organizzati in sintonia: l’Austrian Open, la cui prima edizione si è svolta nel 1990, ha luogo sul tracciato del Diamond Country Club di Atzenbrugg, nei pressi di Vienna, e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I dati dell'ultima rilevazione nella sanità regionale

CONTAGI STABILI, MA IN VENETO CRESCONO I MORTI PER COVID 19

Diminuiscono i ricoverati negli ospedali: sono 1.621


VENEZIA - Con la curva dei soggetti attualmente contagiati ancora in leggero aumento, ma, come ormai noto, influenzata dalla quantità di tamponi effettuati, continua ad aumentare in Veneto il numero dei decessi: il totale è salito oggi a 940 vittime, 34 nelle ultime 24 ore, secondo l’ultimo bollettino diffuso dalla sanità regionale. L’età media dei morti è di 81 anni, a conferma che la malattia ha gravi conseguenze soprattutto per i più anziani. Nessuna fascia d’età tuttavia è esente. Ancora Verona la provincia più colpita con 3.649 casi accertati dall’inizio dell’epidemia e 261 morti.
Sul fronte buone notizie, prosegue la diminuzione dei ricoverati negli ospedali: nei reparti non critici sono ospitati 1.402 pazienti, 25 in meno, mentre 219 si trovano in terapia intensiva, con un calo di 14 unità. Crescono, di converso, i dimessi: 1.824 persone hanno potuto ritornare a casa propria, altre 239 sono state trasferite in strutture intermedie. Confermato pure l’aumento dei guariti: 2.895 individui, 105 in più di ieri, sottoposti ad un nuovo tampone, sono risultate negative all’infezione. Quasi un migliaio in meno i cittadini in isolamento domiciliare.