Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I dati dell'ultima rilevazione nella sanità regionale

CONTAGI STABILI, MA IN VENETO CRESCONO I MORTI PER COVID 19

Diminuiscono i ricoverati negli ospedali: sono 1.621


VENEZIA - Con la curva dei soggetti attualmente contagiati ancora in leggero aumento, ma, come ormai noto, influenzata dalla quantità di tamponi effettuati, continua ad aumentare in Veneto il numero dei decessi: il totale è salito oggi a 940 vittime, 34 nelle ultime 24 ore, secondo l’ultimo bollettino diffuso dalla sanità regionale. L’età media dei morti è di 81 anni, a conferma che la malattia ha gravi conseguenze soprattutto per i più anziani. Nessuna fascia d’età tuttavia è esente. Ancora Verona la provincia più colpita con 3.649 casi accertati dall’inizio dell’epidemia e 261 morti.
Sul fronte buone notizie, prosegue la diminuzione dei ricoverati negli ospedali: nei reparti non critici sono ospitati 1.402 pazienti, 25 in meno, mentre 219 si trovano in terapia intensiva, con un calo di 14 unità. Crescono, di converso, i dimessi: 1.824 persone hanno potuto ritornare a casa propria, altre 239 sono state trasferite in strutture intermedie. Confermato pure l’aumento dei guariti: 2.895 individui, 105 in più di ieri, sottoposti ad un nuovo tampone, sono risultate negative all’infezione. Quasi un migliaio in meno i cittadini in isolamento domiciliare.