Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sindacati collaborano con Prefettura nel vagliare le "deroghe"

NELLA MARCA GIÀ 5MILA RICHIESTE DI CASSA INTEGRAZIONE AUTORIZZATE

Boom dell'ammortizzatore sociale per Covid 19


TREVISO - Sono oltre  cinquemila le imprese della Marca che hanno fatto ricorso alla cassa integrazione per emergenza coronavirus. Dopo che il decreto governativo ha previsto la possibilità di richiedere l'ammortizzatore sociale per questo motivo da fine marzo, negli ultimi giorni l'Inps di Treviso sta autorizzando in media cinquecento istanze al giorno.
Intanto i sindacati sollecitano il prolungamento anche della cassa in deroga: "Auspichiamo un'estensione anche a maggio e giugno  - conferma Cinzia Bonan, segretaria generale della Cils Belluno Treviso -, perchè alcuni settori hanno ormai quasi esaurito le 13 settimane previste ma la ripresa sarà lenta e graduale".
Cgil, Cisl e Uil collaboreranno con la Prefettura nel vagliare le comunicazione inviate dalle aziende per proseguire l'attività, in quanto funzionali a lavorazioni ritenute essenziali. A fronte di una mole di oltre 3.700 pratiche (finora circa 195 le sospensioni stabilite) i tecnici dei sindacati affiancheranno i funzionari pubblici per compiere una prima selezione. Obiettivo smaltire più velocemente tutte  le istanze, per evitare che qualche impresa continui a lavorare nonostante non ne abbia titolo, sfruttando il meccanismo del silenzio- assenso.