Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"E' arrivato il momento di conoscere la verità"

CAPPELLETTI (M5S): "TROPPE OMBRE SUI DECESSI NELLE CASE DI RIPOSO DEL VENETO"

Il dubbio: "I numeri di Zaia e dell'Isituto di sanità non coincidono"


VENEZIA - "Case di riposo per anziani: chi sbaglia Zaia o l'Istituto superiore di sanità?", se lo chiede Enrico Cappelletti, candidato presidente del Movimento 5 Stelle alle prossime regionali del Veneto.
"Secondo Zaia - analizza Cappelletti -  sono 345 i decessi per Coronavirus nelle case di riposo per anziani del Veneto, con un tasso di mortalità del 15,7%, circa la metà del tasso medio nazionale. Ma secondo l'Iss nel periodo dal primo febbraio al 14 aprile, i decessi per Coronavirus nelle case di riposo per anziani del Veneto sarebbero invece tre volte tanto, un dato nettamente superiore alla media nazionale (1.093). Ci chiediamo dove stia la verità".
L'esponente pentastellato pone una serie di altre questioni. "Considerato che non a tutti gli anziani deceduti è stato fatto il tampone, qual è il dato dei decessi nelle RSA del Veneto, rispetto a quello dello scorso anno? Perché sono stati fatti tardivamente i tamponi ad ospiti ed operatori? Perché il piano piano regionale deliberato lo scorso 30 marzo, non è partito un mese prima?"
"Piu' nello specifico - continua Cappelletti -, posto che la struttura di Merlara dichiara di aver chiesto alla Regione il trasferimento dei propri ospiti il 13 marzo (quando i decessi erano ancora 3, poi saliranno a 28), come è stata gestita quella richiesta? Poteva essere evitata questa strage? Le stesse domande valgono per tante altre strutture come Casa Fenzi di Conegliano. Migliaia di cittadini, colpiti negli affetti, aspettano queste risposte. Sicuramente alle case di riposo del Veneto non è stata dedicata l'attenzione che sarebbe stata necessaria. Forse è stato sottovalutato il problema, forse sono stati commessi gravi errori come quando, il 7 marzo, Zaia chiese al Governo di cancellare le zone rosse dal Veneto perché “misura scientificamente sproporzionata all’andamento epidemiologico”. Certo è che è arrivato il momento di conoscere la verità", conclude il candidato dell'M5S.