Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/325: NUOVI TALENTI AZZURRI IN LUCE AL CAMPIONATO NAZIONALE OPEN

Brindano il pro Giulio Castagnara e la dilettante Caterina Don


SUTRI (VT) - Nell’ambito del Progetto Ryder Cup, l’Italian Pro Tour mette in azione i protagonisti del golf, in un circuito di gare che coinvolge tutta la nazione da nord a sud.La più longeva gara italiana, a cui negli ultimi due giorni si attacca la relativa sezione femminile,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/324: RENATO PARATORE TRIONFA AL BRITISH MASTERS

Successo azzurro al primo dei tornei britannici dell'Eurotour


NEWCASTLE-UPON- TYNE (GB) - L’European Tour riprende il suo circuito con il Betfred British Masters, primo della serie dei sei tornei denominati “UK Swing”, programmati in Inghilterra e in Galles. I sei tornei, tutti a porte chiuse, terranno impegnati i migliori golfisti europei,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/323: IL FRANCESE STALTER VINCE L'EURAM BANK OPEN

Ancora in Austria il secondo torneo di Eurotour e Challenge


RAMSAU (AUSTRIA) - Ecco il secondo dei tornei organizzati in sintonia da European Tour e Challenge Tour, che hanno ripreso l’attività dopo quattro mesi di sospensione per l’emergenza coronavirus. L’Euram Bank segue dopo una settimana l’Austrian Open, oggetto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione della Guardia di Finanza di Portogruaro

MASCHERINE DA 50 CENT A 5 EURO, TREVIGIANO DENUNCIATO

Sequestrate oltre 22 mila protezioni


TREVISO - La Guardia di Finanza di Portogruaro ha sequestrato oltre 22.000 mascherine prive delle certificazioni di idoneità e sicurezza. Le indagini sono partite da una segnalazione di una cittadina che denunciava l’alto costo, 5 euro, in un negozio mentre il prezzo di acquisto all'estero era di 50 cent.

Il fornitore del materiale è una società del Trevigiano che, a sua volta, si era rifornita da un’azienda intestata a un cinese con sede nella Marca. Dai controlli è emerso che il cinese aveva acquistato, per mezzo di una piattaforma di commercio online, una partita di mascherine di provenienza cinese provvedendo a distribuirle ad operatori economici tra cui l’azienda trevigiana, il cui rappresentante è stato denunciato.