Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione della Guardia di Finanza di Portogruaro

MASCHERINE DA 50 CENT A 5 EURO, TREVIGIANO DENUNCIATO

Sequestrate oltre 22 mila protezioni


TREVISO - La Guardia di Finanza di Portogruaro ha sequestrato oltre 22.000 mascherine prive delle certificazioni di idoneità e sicurezza. Le indagini sono partite da una segnalazione di una cittadina che denunciava l’alto costo, 5 euro, in un negozio mentre il prezzo di acquisto all'estero era di 50 cent.

Il fornitore del materiale è una società del Trevigiano che, a sua volta, si era rifornita da un’azienda intestata a un cinese con sede nella Marca. Dai controlli è emerso che il cinese aveva acquistato, per mezzo di una piattaforma di commercio online, una partita di mascherine di provenienza cinese provvedendo a distribuirle ad operatori economici tra cui l’azienda trevigiana, il cui rappresentante è stato denunciato.