Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/311: I CAMPI AL TEMPO DEL CORONAVIRUS

Un protocollo per la riapertura dei green


ROMA - I Campi da Golf e i loro impianti, hanno l’esigenza, allo scopo di mantenerli efficienti, che si provveda con costanza alla manutenzione.
Nel rallegrarsi del fatto che sia stata reso possibile a tutti i Club di eseguirla, il presidente Chimenti ha informato i Circoli, che il Consiglio Federale ha svolto azione mirata a conseguire in tempi brevi la riapertura dell’attività golfistica, limitatamente, e nel rispetto dell’emergenza. Ha fatto presente che la felice definizione “all’aria aperta, a porte chiuse”, condizione di norma suggerita, è proprio tipica della pratica del Golf, sport in cui la distanza tra i giocatori può essere ben superiore alla distanza in genere prevista. La possibilità di fare movimento in sicurezza dopo tanti giorni di forzata permanenza in casa, è benessere per la persona e utile alla società.
Con accurati studi, l’Associazione Italiana Tecnici di Golf sta predisponendo una possibile linea di condotta da tenere alla riapertura dei Circoli, riguardante tutti i giocatori, gli addetti alla manutenzione, e tutti coloro che in qualche modo hanno a che fare con il Club. Questi suggerimenti, ancora allo studio, saranno oggetto di apposito documento, che sarà inviato all’attenzione dell’Ufficio Sport del Ministero.

I consigli suggeriti, legati alle situazioni sia per chi lavora nei Circoli sia per chi pratica il gioco, certuni sono precauzioni generali, altri sono esigenze tecniche; alcune di esse potranno essere inseriti nel contesto delle “Regole Locali” dei singoli Circoli, eccone alcuni:

- le squadre saranno al massimo di 4 giocatori, con intervallo di partenza minimo 10 minuti

- si dovranno allargare al massimo i battitori, divieto di raccogliere tee abbandonati da altri

- prestare molta attenzione alla vicinanza sui green, e lasciare in posizione l’asta della bandiera

- inserire un supporto dentro le buche, per facilitare la raccolta della pallina senza toccare l’asta

- predisporre al termine di ogni buca un distributore di gel disinfettante

- togliere i rastrelli dal percorso, mettere in pristino stato i bunker con i piedi o con il bastone


- non permettere che vengano usati il lava-palline, le panchine, e le fontanelle


- vietare l’uso dei servizi igienici sul percorso, quando non possibile la sanificazione

- usare per quanto possibile la compilazione dello score con l’app di informatica

- postare la recording area in luogo arieggiato, inserire lo score in un box facile da sanificare,
anche qui un distributore di gel disinfettante

- distanziare di almeno tre metri le postazioni in campo pratica

- chiudere con tappi le buche sui pitching green di pratica, a evitare di toccare le tazze e le aste

- all’acqua di lavaggio delle palline di Campo pratica dovrà essere aggiunto prodotto disinfettante


- durante le lezioni con il maestro non dovranno esserci contatti fisici


- al rientro dal Campo, carrelli e Golf cart saranno disinfettati da apposito personale


- almeno per un primo tempo, non sarà effettuata la custodia delle sacche


- spogliatoi, piscine, campi da tennis saranno chiusi, come anche le aree comuni della Club house


- l’apertura del pro shop sarà soggetta alle norme del decreto ministeriale


- palline, guanti e tee si potranno acquistare in segreteria, purché in confezione


- i servizi igienici saranno presenziati da apposito personale che provvederà alla sanificazione


- il ristorante potrà fornire un servizio in confezione da asporto, in un’apposita buvette


Gli ambienti di lavoro saranno costantemente sanificati, per garantire sicurezza ai frequentatori

Il Consiglio federale ha altresì invitato il Presidente Chimenti a tornar a sensibilizzare gli organi governativi, dell’esigenza di supportare i Circoli allo scopo che abbiano a godere del sostegno necessario per provvedere al rilancio dell’attività, il più velocemente possibile.
È stata attivata una casella di posta elettronica emergenzacovid19@federgolf.it per quanti vorranno comunicare direttamente con la Federazione, nella necessità di avere informazioni.
Il direttore di Cà della Nave Luigino Conti, con cui ho avuto un colloquio, nella speranza che questo disastrosa situazione finisca presto, mi conferma che seguirà con scrupolo tutto quanto sarà utile, per tutelare la sicurezza dei frequentatori.
Sarà mia cura tenere i golfisti al corrente sugli sviluppi della situazione.
Paolo Pilla