Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Realizzato tra Los Angeles e Londra in isolamento

ROLLING STONES, ESCE IL NUOVO SINGOLO DURANTE IL LOCKDOWN

Il brano "Living in A Ghost Town" rispecchia la situazione attuale


I Rolling Stones, tornano a sorpresa con un nuovo singolo, "Living in A Ghost Town". Keith Richards ha spiegato che si tratta di un brano registrato un anno fa a Los Angeles per un nuovo album, ma che è stata presa la decisione di farlo uscire in questo momento.
Così gli Stones in isolamento, si sono rimessi al lavoro. E proprio Mick Jagger ha spiegato che "Non è stato scritto ora ma si adatta alla situazione che stiamo vivendo. E' la storia di un posto pieno di vita che diventa un luogo dove non c'è più niente ... una 'Ghost Town' ...".
"Questa canzone rispecchia l'umore del momento" ha commentato Charlie Watts. E' un brano piuttosto scuro, Ronnie Wood nel suo messaggio ha definito la melodia "struggente", con un andamento reggae blues molto "laid back", chitarre in primo piano e sovraincise che si intrecciano con l'armonica. Un'atmosfera vagamente tarantiniana. Quanto al testo, è tutt'altro che rassicurante: la prima strofa si conclude "La vita era così meravigliosa prima che ci chiudessero tutti, ci sentiamo come un fantasma che vive in una città fantasma". Anche il finale, piuttosto tragico, rispecchia la situazione attuale: "Se voglio un party è un party per uno solo", così cantano gli Stones.