Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Senza aiuti le scuole paritarie sono a rischio

NUOVO DPCM: SCUOLE CHIUSE E FAMIGLIE DIMENTICATE

Colmellere: "Manca chiarezza da parte del governo, i comuni sono allo sbando"


TREVISO - Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha confermato che le scuole rimarranno chiuse fino a settembre e che l’esame di maturità sarà sostenuto di persona, tramite colloquio, e a distanza di sicurezza.
Però non ha fornito risposte sui bambini, e cioè su cosa dovranno fare i genitori che dal 4 maggio torneranno al lavoro. Le famiglie sono abbandonate a se stesse, non ci sono indicazioni concrete su eventuali aperture di centri estivi, scuole materne, asili nido per i prossimi giorni e mesi. Chi seguirà i ragazzi? Chi rimarrà con i bambini?
Senza considerare i genitori con bambini che hanno difficoltà e che si stanno facendo carico di tutto, problema assai diffuso. Ne abbiamo parlato con l’Onorevole Angela Colmellere, deputata della Lega, che si è resa disponibile ai nostri microfoni.
“Queste direttive devono essere chiarite quanto prima per dare una risposta ai genitori per potersi organizzare con i propri figli. E’ tutto in forse, e di fatto mancano le certezze, manca chiarezza. In questa fase emergenziale la comunicazione deve essere chiara, noi chiediamo chiarezza. Sul tema della scuola in Presidente ha parlato poco e in modo confuso, e siamo dinanzi all’incertezza più totale” - ha dichiarato Angela Colmellere.
Riguardo alla didattica a distanza è stata una modalità di didattica probabilmente utile e necessaria per alcuni, ma ci sono bambini che ancora non hanno i mezzi necessari per accedere alla didattica a distanza e seguire le lezioni, quindi per stare al passo con il programma. “Siamo partiti in fretta e furia, senza una grande formazione sia degli alunni che degli insegnanti, anche perché l’educazione a distanza non è mai stata normata”, ha affermato la Colmellere, e ha aggiunto: “Si è partiti in modo improvvisato ma gli effetti sono vari e dipendono dall’insegnante, dalla mancanza o meno della rete, degli strumenti per potersi connettere. In Italia ci sono situazioni in cui manca tutto, e il rischio è che questi bambini rimangano indietro e non potranno recuperare l’anno perso. La scuola a distanza esiste solo per l’emergenza, ma il compito della scuola è insegnare ai bambini in presenza, e favorendo l’interazione, i rapporti, la socialità e il contatto”.
Inoltre esiste il problema del rischio di chiusura delle scuole paritarie che non riceveranno aiuti dal Governo. Si parla della maggior parte delle nostre scuole dell’infanzia, frequentate da bambini piccoli e di diverse estrazioni sociali, e quindi in sofferenza perché vivono solo di rette dei genitori, che ora vengono a mancare e verranno a mancare in una situazione di crisi economica.
“Se dovessero chiudere le scuole private, si apre veramente un grosso problema: dove mettiamo i ragazzi delle paritarie se nelle strutture statali non c’è posto? Le scuole private, ricordiamolo, accolgono anche 14.500 alunni disabili delle scuole private che andrebbero ricollocati nelle scuole pubbliche, creando ulteriori problemi di assembramenti in spazi che già sono ristretti. Le classi dovranno essere ridimensionate come numero a settembre, e le scuole paritarie dovranno essere aiutate non solo per le paritarie stesse, ma anche per le statali. Un problema quindi molto grande, che forse il Governo non sta considerando”, queste le parole di Angela Colmellere, deputata della Lega, ai nostri microfoni.