Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/337: L'INGLESE MCGOWAN RE DEL 77° OPEN D'ITALIA

Migliore degli azzurri il vicentino Guido Migliozzi


POZZOLENGO - Giunge alla 77esima edizione l'Open d'Italia, massima rassegna del golf tricolore, nonché una delle più antiche dell’European Tour. Si gioca a porte chiuse allo Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo, splendido percorso che si estende attorno ad...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La fase 2 per ospedali e ambulatori medici

DA LUNEDÌ RIPARTONO ESAMI E VISITE MEDICHE

Riprogrammazione delle visite saltate e misurazione della temperatura all'entrata


TREVISO - Da lunedì comincerà la fase 2 anche per gli ospedali che riprenderanno le attività programmate, gli esami, le visite sia specialistiche che ambulatoriali sospese il 13 marzo scorso. Il piano di riapertura prevede però una serie di misure di sicurezza per tutelare i pazienti, oltre che il personale sanitario.
Si andrà in ospedale per lavorare, per farsi curare, o per far visita ad un parente, ma è concesso un visitatore alla volta. Ogni presidio avrà un solo ingresso, controllato dal personale sanitario, che a un metro di distanza, misurerà la temperatura corporea ad ogni utente.
In ospedale ci si recherà con guanti e mascherina come sempre, dispositivi che saranno forniti sul posto a chi non li possiede. Non si potrà quindi entrare con un accompagnatore, a meno che non si tratti di persone disabili, minori, o persone con difficoltà linguistiche. In ogni caso no si entrerà in ospedale con la febbre sopra i 37.5°. Al Pronto Soccorso resteranno separati i percorsi di gestione e cura dei pazienti Covid, mentre i malati urgenti e politraumatizzati saranno direttamente considerati pazienti con Covid e trattati con le cautele del caso.
In ospedale si prevedono 1600 tamponi al giorno e nelle sale operatorie ci saranno regole molto rigide: le anestesie per esempio saranno eseguite nella sala operatoria chiusa e senza altri sanitari non coinvolti direttamente nelle procedure.
Per quel che riguarda l’attività ambulatoriale, i medici di famiglia stanno programmando tutte le visite saltate a causa dell’emergenza Covid 19 e sarà loro dovere avvertire i pazienti e fissare un nuovo appuntamento, così come l’ospedale comunicherà la prima data disponibile per gli interventi chirurgici. Nuove visite ed esami saranno prenotati per telefono oppure online, per evitare gli assembramenti nei Cup e dove possibile saranno forniti consulti e follow up in videochiamata.