Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La fase 2 per ospedali e ambulatori medici

DA LUNEDÌ RIPARTONO ESAMI E VISITE MEDICHE

Riprogrammazione delle visite saltate e misurazione della temperatura all'entrata


TREVISO - Da lunedì comincerà la fase 2 anche per gli ospedali che riprenderanno le attività programmate, gli esami, le visite sia specialistiche che ambulatoriali sospese il 13 marzo scorso. Il piano di riapertura prevede però una serie di misure di sicurezza per tutelare i pazienti, oltre che il personale sanitario.
Si andrà in ospedale per lavorare, per farsi curare, o per far visita ad un parente, ma è concesso un visitatore alla volta. Ogni presidio avrà un solo ingresso, controllato dal personale sanitario, che a un metro di distanza, misurerà la temperatura corporea ad ogni utente.
In ospedale ci si recherà con guanti e mascherina come sempre, dispositivi che saranno forniti sul posto a chi non li possiede. Non si potrà quindi entrare con un accompagnatore, a meno che non si tratti di persone disabili, minori, o persone con difficoltà linguistiche. In ogni caso no si entrerà in ospedale con la febbre sopra i 37.5°. Al Pronto Soccorso resteranno separati i percorsi di gestione e cura dei pazienti Covid, mentre i malati urgenti e politraumatizzati saranno direttamente considerati pazienti con Covid e trattati con le cautele del caso.
In ospedale si prevedono 1600 tamponi al giorno e nelle sale operatorie ci saranno regole molto rigide: le anestesie per esempio saranno eseguite nella sala operatoria chiusa e senza altri sanitari non coinvolti direttamente nelle procedure.
Per quel che riguarda l’attività ambulatoriale, i medici di famiglia stanno programmando tutte le visite saltate a causa dell’emergenza Covid 19 e sarà loro dovere avvertire i pazienti e fissare un nuovo appuntamento, così come l’ospedale comunicherà la prima data disponibile per gli interventi chirurgici. Nuove visite ed esami saranno prenotati per telefono oppure online, per evitare gli assembramenti nei Cup e dove possibile saranno forniti consulti e follow up in videochiamata.