Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al via il progetto per la riqualificazione dell'area

L'EX MACELLO DIVENTA RESIDENZA PER LE PERSONE IN DIFFICOLTÀ

Sarà una comunità alloggio per senzatetto


TREVISO - L'amministrazione comunale sta progettando una nuova vita per l'ex macello comunale, un'ampia area da recuperare che confina proprio con il comando dei vigili urbani in via Castello d'Amore.
Il progetto sta prendendo forma in questi mesi e l'idea è quella di di trasformare uno dei posti simbolo della prima periferia trevigiana in residenza per chi è in difficoltà o in emergenza abitativa temporanea.
Una struttura di accoglienza nell'ex Macello nei 2 stabili liberi, in quanto uno è utilizzato come archivio della polizia. Un’area di 900 metri quadrati in cui troverà posto una struttura ricettiva: ogni locale sarà dotato di bagno, cucina comune e sala ricreativa. Un progetto di riqualificazione dello stabile che aiuterà chi ha bisogno in questo momento particolarmente complicato. L'investimento previsto è di circa 1,3 milioni di euro.
«L'idea è di realizzare sedici stanze per ospitare sedici persone – ha dichiarato l’assessore Sandro Zampese - ogni locale sarà dotato di bagno, poi ci sarà una cucina comune, una sala per la televisione, una sala lettura e un ambulatorio. La struttura è pensata per quelle persone che si trovano in situazione di difficoltà momentanea. Ci sono tanti casi di cittadini che, per un qualsiasi motivo, perdono lavoro e casa e hanno bisogno di un posto dove stare. Questo struttura avrà questo obiettivo- continua Zampese - aiutare quei casi che possono essere reintegrati in società. Senza contare che con la crisi che porterà il Covid, strutture di questo genere possono tornare utili per aiutare tante persone».