Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Soprattutto ora, dare valore a senso civico e volontariato

TORNARE AD INSEGNARE EDUCAZIONE CIVICA NELLE SCUOLE

Colmellere al Governo: "Si preveda da settembre, materia fondamentale"


TREVISO - Un anno fa la Camera approvava la legge per riportare sui banchi di scuola l’educazione civica obbligatoria e curricolare. A 12 mesi di distanza, in piena emergenza coronavirus, l’onorevole veneta Angela Colmellere chiede al Governo “che si dia seguito alla legge, la cui attuazione fu rinviata all’anno scolastico 2020/21, inserendo finalmente l’educazione civica come materia di studio dagli asili alle scuole superiori”.
“Tanto più in un momento come questo – commenta Colmellere – è necessario dare valore al patrimonio di senso civico e volontariato di cui sono portatori i nostri ragazzi e cittadini. Senza il supporto di tanti volontari, a partire dalla Protezione civile e dalle associazioni delegate all’emergenza-urgenza, senza il coordinamento dei sindaci e degli amministratori locali, il Paese non avrebbe retto l’impatto di questa situazione. Come abbiamo chiesto nella legge, condivisa da tutte le forze parlamentari, è fondamentale che bambini e ragazzi conoscano in classe la ricchezza della solidarietà, della sussidiarietà e dell’alta moralità per essere pronti a dare il proprio contributo fin da subito. Spero che anche in questi giorni, durante le lezioni a distanza, non manchino occasioni per instillare negli studenti piccole ma preziose gocce di educazione civica”.
“Sarebbe stato bello iniziare questo percorso già lo scorso settembre – conclude Colmellere – ma il Governo ha preferito rinviare. Ora si diano alle scuole indicazioni chiare senza perder altro tempo. Il periodo attuale ci richiama alla necessità di percorsi di crescita improntati sulla legalità, sulla solidarietà, sul rispetto istituzionale, sulla cittadinanza attiva e sul rispetto delle norme”.