Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Quattro arresti in una operazione dei carabinieri di Treviso e Roncade

PAKISTANI SFRUTTAVANO CONNAZIONALI PER I LAVORI NEI CAMPI

Conclusa dopo mesi un'ampia indagine sul caporalato


TREVISO - I Carabinieri di Treviso e Roncade, dopo mesi di indagini, hanno sgominato un'organizzazione straniera dedita al caporalato. Sono state eseguite quattro misure cautelari in carcere nei confronti di due uomini, si tratta di pakistani, e le loro compagne, titolari di un'azienda agricola, accusati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro in concorso, incendio aggravato e violenza privata tentata, nei confronti di una decina di connazionali, alcuni privi di permesso di soggiorno, impiegati nella lavorazione dei campi e potatura delle vigne della Marca. Due degli indagati sono stati rintracciati in provincia di Perugia dove si erano trasferiti. I lavoratori alloggiavano in edifici fatiscenti senza riscaldamento ed energia elettrica. Iniziavano all'alba per evitare i controlli, lavoravano anche il sabato e la domenica, sotto stretta sorveglianza, fino a tarda sera, minacciati di essere denunciati se si fossero ribellati.