Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Dovranno osservare regole per la sicurezza di tutti"

RIAPERTURE ANTICIPATE, IL VENETO SOLLECITA IL GOVERNO

La richiesta: parrucchieri e bar da metà maggio


TREVISO - E’ in corso un confronto tra la Regione Veneto e il Governo per una riapertura anticipata al 18 maggio per le categorie che ancora subiscono il lockdown. La riflessione di Zaia è partita dai dati sul traffico, tornato ai livelli del 9 marzo, prima del blocco totale, ma ci sono ancora categorie produttive ferme e in sofferenza.
“Non possiamo dimenticarci di barbieri, parrucchieri, estetiste, baristi, ristoratori, negozianti al dettaglio” – ha affermato il governatore. La proposta è quella di far riaprire prima i settori che riaprirebbero come stabilito da Governo il 1 giugno.
L’appello di Zaia è sempre lo stesso, e cioè quello di rispettare le regole e le dovute precauzioni, perché se i casi aumentano e la curva dei contagi impenna, si tornerà alla chiusura per tutti. In questa fase di convivenza con il virus bisogna necessariamente continuare a proteggersi con guanti e mascherina e tenere le dovute distanze di sicurezza.