Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Multe a chi ha fatto il bagno nel Piave

WEEKEND DI SEMI-LIBERTÀ TRA MARE E MONTAGNA

Restera, Jesolo e Montello invasi da pedoni e ciclisti


TREVISO - Il fine settimana soleggiato ha spinto i veneti ad uscire. Chi in Restera a Treviso, chi in spiaggia a Jesolo, e poi sul Montello e sui Colli Asolani con la bicicletta, o a passeggiare nel lungo Brenta. Un weekend di escursioni anche in montagna e di libertà dopo due mesi di stop. La maggior parte delle persone hanno indossato la mascherina e si sono mosse nel pieno rispetto delle norme anti-contagio. Ma con la ventata di libertà qualcuno forse si è un po’ fatto prendere la mano: c’è stato anche chi ha fatto il bagno in Piave e si è beccato una multa di 400 euro; chi si è posizionato sulle spiaggette a prendere il sole con tanto di sedie sdraio e asciugamani. Fioccate le sanzioni anche per chi ha organizzato pic-nic lungo il Sile e per un bar a San Biagio di Callalta che ha permesso ai suoi clienti di sostare a bere l’aperitivo sui tavolini esterni.
Al mare nessuno ha fatto il bagno o ha preso il sole in spiaggia, nonostante la tentazione fosse grande. A Jesolo però c’era molta gente, arrivata anche da fuori, per respirare aria buona e fare due passi sulla sabbia.
Gli alberghi e i locali sono ancora tutti chiusi in attesa delle riaperture ufficiali, e nel frattempo qualche chiosco ha cominciato la sua stagione approfittando della possibilità di vendere qualcosa per l’asporto.