Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Progetto annunciato dal Ministro Spadafora

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI APERTI ENTRO IL 25 MAGGIO

Zaia: "Linee guida dell'Inail inapplicabili"


TREVISO - Le palestre e le altre strutture sportive potrebbero riaprire dal 25 maggio. Il progetto è stato annunciato dal Ministro Spadafora. La frequentazione delle palestre prevede chiaramente dei protocolli di sicurezza. Per la ripartenza dei centri sportivi le linee guida arriveranno entro pochi giorni dal Comitato Tecnico Scientifico. E chiaramente si aprirà solo nelle regioni che avranno superato i parametri per cui si può allentare la presa. In attesa delle pagelle delle regioni che dimostrano la diminuzione o l’aumento dei contagi, il Molise, ad esempio, potrebbe entrare in quelle a rischio bocciatura.
Per Zaia le linee guida dell’Inail sono però inapplicabili. Servono regole chiare per ripartire, ha affermato Zaia, perché il virus ha già fatto perdere 50 mila posti di lavoro, posti che non si recuperano dall’oggi al domani.
“I 4 metri di distanza al ristorante - ha detto il Governatore del Veneto - sono imbarazzanti. I 5 metri tra gli ombrelloni in spiaggia? Assurdi. Possiamo farci entrare anche un camion rimorchio.”
Una battaglia serena e civile per poter decidere all’interno della Regione le proprie linee guida, come ad esempio 3 metri anziché 5 tra gli ombrelloni.
“La distanza tra i tavoli al ristorante? Potrebbe essere di 2 metri, altrimenti tanti locali non riapriranno più.” ha afermato Zaia. La crisi morde e la gente deve essere più responsabile che mai.