Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Bruna Hodorovich beneficiava di aiuti statali

LA LEADER DELLA BANDA SINTI PERCEPIVA IL REDDITO DI CITTADINANZA

Rete criminale sgominata grazie all'aiuto della nuora


VENEZIA - Bruna Hodorovich, leader della banda di sinti con base tra Cavarzere e Mestre, accusata dalla procura di Venezia di aver messo a segno oltre 100 furti per un bottino pari a mezzo milione di euro, beneficiava del reddito di cittadinanza e di una casa popolare.
La Hodorovich era tra i leader della banda sgominata grazie alla testimonianza della nuora 20enne, fuggita e poi ripudiata dopo anni di violenze e minacce da parte del marito, Patrick Hodorovich.
L'inchiesta che ha portato in carcere Bruna Hodorovich, il marito Diego Fulle, e altri 4 componenti della banda, più due persone ai domiciliari con cavigliera elettronica, è stata lunga e possibile proprio grazie alla moglie di Padrick Hodorovich, ribellatasi a questa famiglia di ladri. Era stata minacciata e insultata perché non voleva entrare a far parte di questa rete criminale, nella quale la famiglia rubava denaro agli anziani, vittime predilette, e oggetti di valore nelle abitazioni, da rivendere poi in Africa Settentrionale.
Le indagini sono state complicate soprattutto per la difficoltà di trovare un interprete: sono in pochi a parlare la lingua sinti, pochissimi quelli disposti a collaborare con le forze dell’ordine. Un contributo fondamentale è arrivato da un nomade di un’altra comunità sinti che ha accettato di aiutare i militari traducendo le tante pagine di intercettazioni raccolte in un anno e mezzo di indagini. E poi tra le fortune vi è stato l’intermediario marocchino, che parlando arabo, ha reso le indagini e le traduzioni delle telefonate più semplici. Grazie a questo contatto la merce rubata veniva rivenduta in Marocco e fruttava decine di migliaia di euro.