Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'acqua per spegnere il rogo defluita in laguna

INCENDIO A MARGHERA, INQUINAMENTO NELLA ZONA

Tracce anche nei pressi dell'ospedale di Mestre


MARGHERA - Il rogo alla 3VSigma di via Malcontenta a Marghera ha generato un inquinamento nei pressi dello stabilimento e nella zona limitrofa. Sono ancora in corso le analisi per stabilire se le sostanze tossiche prodotte nella combustione si siano disperse in un’area più vasta e quali possano essere le ricadute.
L’Arpav è intervenuta con una ventina di propri tecnici, che hanno prelevato 18 campioni tra aria e acque superficiali dei canali e della laguna, poi analizzati. Sono state effettuate anche delle analisi rapide, per avere delle indicazioni pressoché in tempo reale.
I primi risultati, spiega una nota dell’Agenzia regionale per l’ambiente, hanno evidenziato presenza di sostanze tipiche da incendio e solventi a concentrazioni elevate nei pressi del luogo dove si sono scatenate le fiamme, come benzene, etilbenzene, xilene, etanolo, acetone e di sostanze utilizzate nel ciclo produttivo dell’azienda. Tracce di queste sono state riscontrate anche vicino all’Ospedale all’Angelo di Mestre sono state riscontrate tracce .
Gli addetti hanno eseguito una mappatura della qualità dell’aria anche a Mestre e a Venezia, i cui risultati saranno resi noti appena elaborati. Il campione eseguito nel parco di San Giuliano Porta Rossa non ha evidenziato presenza di inquinanti. Sono ancora in fase di campionamento e saranno analizzati quanto prima i microinquinanti come le diossine.
Le condizioni meteo al momento dell’incendio, spiegano dall’Arpav, hanno favorito il trasporto verso la laguna nella mattinata anche facilitando la dispersione dei prodotti di combustione. Verso le 11 di mattina, l’andamento del vento è cambiato in direzione Mestre.
Un problema è rappresentato dalla tracimazione in laguna, nel canale della Rana, delle acque utilizzate per spegnere le fiamme. E’ stato perciò chiesto l’intervento di ditte specializzate per il contenimento del deflusso. E sono stati eseguiti prelievi nel punto di scarico e nel canale Lusore: anche in questo caso le analisi dei campioni sono in corso.


Galleria fotograficaGalleria fotografica