Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Saracinesche su anche per parrucchieri e centri estetici

COMMERCIO, BAR E RISTORANTI ALLA PROVA RIAPERTURE

Da oggi riprendono gran parte delle attività


TREVISO - Da oggi, lunedì 18 maggio, la gran parte di negozi, in particolare quelli di abbiglimento, calzature e accessori, potranno rialzare la saracinesca dopo oltre due mesi di serrata. E i pubblici esercizi potranno tornare a servire i clienti al tavolo o al banco, oltre alla già autorizzata vendita per asporto e a domicilio. Anche parrucchieri, acconciatori, centri estetici potranno tornare operativi. Dopo giorni di incertezza sono state definite le linee guida per la fase 2. Ecco le principali norme.

Bar, trattorie, pizzerie, ristoranti e catering: la misura base sarà la distanza di un metro. Quella da rispettare tra i commensali al tavolo e tra i tavoli, come anche per le consumazioni al banco. Solo se non fosse possibile, serviranno barriere di plexiglass tra le persone. Ingressi contingentati, mascherine e guanti per i dipendenti e anche per i clienti quando non sono seduti al tavolo. Va intensificata dell’igiene dei locali (le toilettes più volte al giorno) e favorito il ricambio d’aria, mentre è escluso il ricircolo per il condizionamento. Tutte le superfici piane dovranno essere pulite dopo il passaggio di ogni cliente, i menu saranno scritti alla lavagna, plastificati o visibili dal proprio smartphone. Preferibili i condimenti in bustina e le tovaglie usa e getta. No ai tavoli a buffet e si invece ai tavoli all’esterno. Va previlegiata la prenotazione e mantenuto l’elenco dei soggetti per 14 giorni.

Commercio e moda: Valgono sempre i principi del metro, della sanificazione, con particolare attenzione a corrimani ed interruttori, dell’areazione del negozio, degli ingressi contingentati a seconda delle dimensioni del negozio, dell’uso corretto delle mascherine per clienti. Meglio anche in questo caso, l’appuntamento. Cade il timore della quarantena o della sanificazione per i resi ed i capi provati: dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente per toccare la merce. Esattamente come si fa per l’acquisto di frutta e verdura: se si indossano già i propri guanti, per toccare la merce esposta, serve il doppio guanto ad hoc. La postazione alla cassa può essere dotata di barriere fisiche come gli schermi, in alternativa il personale in cassa dovrà indossare la mascherina ed avere sempre il gel mani. Va favorito il pagamento con moneta elettronica.