Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Saracinesche su anche per parrucchieri e centri estetici

COMMERCIO, BAR E RISTORANTI ALLA PROVA RIAPERTURE

Da oggi riprendono gran parte delle attività


TREVISO - Da oggi, lunedì 18 maggio, la gran parte di negozi, in particolare quelli di abbiglimento, calzature e accessori, potranno rialzare la saracinesca dopo oltre due mesi di serrata. E i pubblici esercizi potranno tornare a servire i clienti al tavolo o al banco, oltre alla già autorizzata vendita per asporto e a domicilio. Anche parrucchieri, acconciatori, centri estetici potranno tornare operativi. Dopo giorni di incertezza sono state definite le linee guida per la fase 2. Ecco le principali norme.

Bar, trattorie, pizzerie, ristoranti e catering: la misura base sarà la distanza di un metro. Quella da rispettare tra i commensali al tavolo e tra i tavoli, come anche per le consumazioni al banco. Solo se non fosse possibile, serviranno barriere di plexiglass tra le persone. Ingressi contingentati, mascherine e guanti per i dipendenti e anche per i clienti quando non sono seduti al tavolo. Va intensificata dell’igiene dei locali (le toilettes più volte al giorno) e favorito il ricambio d’aria, mentre è escluso il ricircolo per il condizionamento. Tutte le superfici piane dovranno essere pulite dopo il passaggio di ogni cliente, i menu saranno scritti alla lavagna, plastificati o visibili dal proprio smartphone. Preferibili i condimenti in bustina e le tovaglie usa e getta. No ai tavoli a buffet e si invece ai tavoli all’esterno. Va previlegiata la prenotazione e mantenuto l’elenco dei soggetti per 14 giorni.

Commercio e moda: Valgono sempre i principi del metro, della sanificazione, con particolare attenzione a corrimani ed interruttori, dell’areazione del negozio, degli ingressi contingentati a seconda delle dimensioni del negozio, dell’uso corretto delle mascherine per clienti. Meglio anche in questo caso, l’appuntamento. Cade il timore della quarantena o della sanificazione per i resi ed i capi provati: dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente per toccare la merce. Esattamente come si fa per l’acquisto di frutta e verdura: se si indossano già i propri guanti, per toccare la merce esposta, serve il doppio guanto ad hoc. La postazione alla cassa può essere dotata di barriere fisiche come gli schermi, in alternativa il personale in cassa dovrà indossare la mascherina ed avere sempre il gel mani. Va favorito il pagamento con moneta elettronica.