Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

23 maggio - Giornata Nazionale della Legalitā

RISCHIO DI CADERE IN MANO AGLI STROZZINI PER MOLTE AZIENDE VENETE

L’appello della CGIL: "Coordiniamoci subito per arrestare il fenomeno alla nascita"


TREVISO - Oggi più che mai il nostro sistema produttivo è terreno fertile per la criminalità organizzata. Con la fine del lockdown molte imprese e ditte trevigiane e venete, soprattutto quelle di più piccole dimensioni, vivono situazioni di grande difficoltà, e in questa seconda fase dell’emergenza, economica e sociale, il rischio di aprire la strada alle infiltrazioni malavitose e agli interessi delle mafie si fa forte e pericoloso.
La mancanza di ricavi e in particolare di liquidità immediata per far fronte ai costi, anche quelli dettati proprio dalla ripartenza, potrebbe condurre i nostri imprenditori a essere bersaglio facile della criminalità mettendosi nelle mani degli strozzini, facendo entrare capitali illeciti nelle loro attività o addirittura a svenderla.
"Una situazione che abbiamo già visto anche nel corso della crisi del 2008, quando negli anni le tante indagini hanno confermato una presenza radicata e capillare di comportamenti criminali e di associazioni mafiose.
Le stesse che oggi vivono un’altra ghiotta occasione: possono con pochi sporchi soldi impadronirsi di imprese, fino a controllare interi segmenti produttivi.
Penso in particolare alla piccola manifattura ma anche al commercio al dettaglio e al comparto turistico e della ristorazione, il più colpito tra i colpiti dalle conseguenze dell’emergenza.
È a rischio anche il mondo della cooperazione: abbiamo già verificato i danni provocati dalle cooperative spurie, più competitive e che possono anche essere attrattive di contributi pubblici.
Una preoccupazione e un ragionamento questo che voglio legare alla Giornata Nazionale della Legalità che quest’anno si celebra il 23 maggio e lanciare un appello alla politica, alle Istituzioni, a tutti i soggetti coinvolti per affermare “Ripartiamo dalla Legalità”. Non c’è tempo da perdere, Prefettura ed Enti locali, Procura e Forze dell’Ordine, categorie economiche e Organizzazioni Sindacali, tutti insieme abbiamo il compito e il dovere di vigilare, di coordinarci nell’essere preparati e pronti a fronteggiare da subito questo fenomeno e arrestarlo alla nascita, perché la nostra economia esca da questa crisi rafforzata, consapevole delle proprie potenzialità e capace di superari i propri limiti, e non lasciata in mano ai criminali e affossata nella delinquenza"- Queste le dichiarazioni di Mauro Visentin, Segretario Generale CGIL Treviso.

Ascolta l'intervista al link