Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Traffico e spaccio di eroina e cocaina

MAXI OPERAZIONE ANTIDROGA TRA VENETO E FRIULI VENEZIA GIULIA

Coinvolta anche la provincia di Treviso, 13 persone arrestate


PORDENONE - I Carabinieri della Compagnia di Sacile hanno arrestato 13 persone nel corso di una operazione antidroga compiuta tra il Friuli Venezia Giulia e il Veneto. Dall'alba di oggi i militari dell'Arma hanno dato esecuzione a misure cautelari decise dal Gip di Pordenone nei confronti di 6 persone nelle province di Pordenone, Venezia e Padova.
L'inchiesta è finalizzata al contrasto di un giro di eroina e cocaina compiuto da cittadini italiani, nigeriani e albanesi.
L'indagine è stata avviata a ottobre scorso e riguarda anche le province di Treviso e Rovigo: nel corso delle verifiche erano già state arrestate 8 persone in flagranza di reato. Le misure cautelari odierne hanno portato alla chiusura in carcere di due persone, mentre altre 3 sono state poste agli arresti domiciliari; una, infine, è soggetta all'obbligo di dimora nel comune di residenza. Contestualmente sono state anche eseguite 9 perquisizioni domiciliari a carico di altrettanti soggetti coinvolti nell'indagine.