Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Nullatenente" possedeva terreni, fabbricati e denaro

NON VERSA I CONTRIBUTI AI DIPENDENTI PER 740MILA EURO

Maxi sequestro della GdF a imprenditore vittoriese


VITTORIO VENETO - Risultava nullatenente, ma poteva contare su ingenti quantità di denaro, quote di società, immobili. E la sua azienda non versava all’Erario le ritenute applicate nelle buste paga dei dipendenti. A conclusione di un’articolata indagine patrimoniale a contrasto dell’evasione e delle frodi fiscali, la Guardia di Finanzia di Vittorio Veneto ha posto sotto sequestro sette fabbricati, tre terreni e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 740.000, nei confronti di un imprenditore vittoriese, amministratore unico nonché legale rappresentante di una società operante nel settore metalmeccanico. Il giudice delle indagini preliminari ha concesso il sequestro preventivo, per un importo equivalente alla somma evasa, di beni mobili registrati, immobili, denaro, titoli e quote societarie nella disponibilità dell’indagato. Le accurate indagini patrimoniali svolte dai Finanzieri hanno dimostrato, infatti, che il soggetto aveva trasferito solo formalmente le proprietà immobiliari ad un prestanome, e che i canoni delle locazioni venivano sistematicamente accreditati sui conti correnti di un’agenzia d’affari compiacente che, a sua volta, glieli girava.
L’operazione - spiegano dal Comando Provinciale - dà conto di quale sia, anche in questo periodo di emergenza, l’impegno della Guardia di Finanza di Treviso nella lotta alle più gravi frodi fiscali e nel concreto recupero delle somme illecitamente sottratte all’Erario, attraverso misure di aggressione delle ricchezze illecitamente accumulate dagli evasori.