Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Con l'emergenza, l'azienda ha convertito parte della propria produzione

LE MASCHERINE DELLA TESSITURA MONTI SONO DISPOSITIVO MEDICO

L'Istituto superiore di sanità certifica le protezioni "made in Maserada"


MASERADA SUL PIAVE - Le mascherine di Tessitura Monti sono ora a tutti gli effetti un dispositivo medico. L’azienda di Maserada ha infatti ottenuto il parere favorevole da parte dell’Istituto Superiore di Sanità e può dunque produrre e commercializzare le sue protezioni come mascherine chirurgiche di tipo 2.
Conformi alle normative di riferimento, secondo i test condotti in laboratori accreditati, le mascherine di Tessitura Monti, grazie ai particolari trattamenti effettuati, hanno dimostrato di presentare tutte caratteristiche di traspirabilità, efficienza di filtrazione batterica e pulizia da microbi previste dalle normative tecniche in vigore. L’approvazione da parte dell’Iss ne consente ora l’utilizzo anche in ambienti di assistenza e sanitari, .
Lo storico gruppo tessile trevigiano, attualmente in amministrazione straordinaria, ha riconvertito parte dei propri processi produttivi per fabbricare le mascherine, in cotone 100% e lavabili: l’obiettivo è arrivare ad un milioni di pezzi al mese. Il primo stock di 10mila unità è stato donato nei giorni scorsi al Comune di Maserada per essere distribuito ai cittadini.
“Siamo molto orgogliosi del risultato raggiunto, a quanto ci risulta sono davvero pochissime le aziende del settore tessile che hanno ottenuto il riconoscimento da parte dell’Istituto Superiore di Sanità su mascherine in cotone lavabili e riutilizzabili - afferma il Commissario Straordinario, Fabio Pettinato. Si tratta di un importante traguardo che conferma la bontà delle nostre scelte, nonostante le difficoltà incontrate, che premia la responsabilità con cui abbiamo sempre agito, nella tutela dei consumatori”. La Tessitura ha già avviato l’iter al Ministero della Salute per conseguire anche il marchio CE.