Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Verona, cosca Arena-Nicoscia e politica a braccetto

MAFIA IN VENETO, INDAGATO FLAVIO TOSI

Maxi inchiesta della Dda contro la 'ndrangheta: 26 arresti


VERONA - Corruzione, riciclaggio, piccole estorsioni e investimenti nel mondo dell’edilizia sono gli affari della famiglia Giardino che da una ventina di anni ha messo radici nel Veronese. Una delle famiglie più potenti dell’ndrangheta di Isola Capo Rizzuto. La mafia in Veneto c’è ed è ben radicata. In particolar modo la ‘ndrangheta, che ha messo radici ad Eraclea, a Padova e a Verona. L’Operazione “Isola Scaligera”, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Venezia, nelle primissime ore del 4 giugno, ha portato a 26 ordinanze di custodia cautelare, 23 persone in carcere e 3 ai domiciliari, e il sequestro preventivo di beni per un valore complessivo stimato in circa 15 milioni di euro. Dei 26 arrestati 16 devono rispondere di associazione di stampo mafioso.
È stata la Procura distrettuale presso il Tribunale di Venezia a dirigere le indagini, che tra il 2017 ed il 2018 sono state condotte da un gruppo di lavoro composto da investigatori della Prima Divisione del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e delle Squadre Mobili di Verona e Venezia: l'attività avrebbe permesso di portare alla luce l'esistenza di un gruppo autonomo locale della 'Ndrangheta operante a Verona e provincia, ma che sarebbe riconducibile alla potente cosca degli “Arena-Nicoscia” di Isola Capo Rizzuto, in provincia di Crotone.
Per l'inchiesta le forze dell'ordine si sono avvalse del contributo di alcuni collaboratori di giustizia e sarebbero emersi gravi indizi di condotte criminali tipiche delle associazioni affiliate alla 'Ndrangheta, dedite a manovre corruttive-collusive ed estorsive. Le attività avrebbero permesso di registrate anche indebiti rapporti tra alcuni appartenenti al sodalizio mafioso ed i dirigenti della società municipalizzata veronese, operante nel settore della raccolta dei rifiuti urbani, Amia. I due nomi di spicco che sarebbero stati travolti dall'indagine sono quelli dell'ex sindaco di Verona, Flavio Tosi, e dell'ex presidente della società, Andrea Miglioranzi.
Su Tosi pende l'accusa di peculato: l’ex sindaco è accusato di una distrazione di fondi, non inferiori a 5.000 euro, dalla municipalizzata Amia. Fondi che sarebbero serviti per pagare la fattura di un’agenzia di investigazioni, nell’interesse di Tosi, secondo la Procura.