Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/316: LA RIPARTENZA DI CIRCOLI E TORNEI

Il punto della situazione anche riguardo i circuiti internazionali


TREVISO - Per quanto riguarda l’Italia, l’Ufficio Sport del Governo ha disposto, a far data dal 25 maggio, la riapertura dei circoli di tutti gli sport, in conformità ai protocolli delle singole federazioni, e nel rispetto delle norme di distanziamento sociale. Così è anche per il Golf. Nei golfisti emergono, però, alcuni dubbi, che cerchiamo di dirimere. Ad esempio, se le linee guida prevedano di usare il doppio guanto, o se è d’obbligo la mascherina: il protocollo federale non prevede nella fase di gioco l’utilizzo del doppio guanto e della mascherina, seppur che ogni Regione può decidere diversamente. Per il Veneto questo vale, lasciando invariata la norma del distanziamento. Viene chiesto, inoltre, se è consentito l’uso del golf car a più persone se conviventi: il gestore del circolo può autorizzarne l’uso congiunto, se i richiedenti auto-dichiarano di essere conviventi. Ancora, è possibile recarsi al circolo in cui si è tesserati anche se non si risiede nello stesso comune, provincia o regione? Nel Veneto la risposta è sì, e nel caso di atleti di interesse nazionale, dappertutto se convocati dalla Federazione.
Di un certo interesse è l’EDS (Extra Day Score), cioè il consenso dato ad alcuni giocatori di riportare i risultati del gioco, validi per aggiornare il proprio handicap, anche in giorni non di gara. L’esigenza nasce dalla mancata possibilità di organizzare gare ufficiali nei Circoli in questo periodo, gare che normalmente permettono ai tesserati di riportare risultati validi a questo fine. Il Comitato Handicap & Course Rating ha stabilito di consentire la cosa ai giocatori delle categorie hcp da 2 a 6, cioè con EGA Handicap da 4,5 a 54; rimane esclusa la categoria 1 (hcp da negativo a 4,4). Ricordiamo che l’handicap è un vantaggio che si assegna ai partecipanti dei tornei dilettantistici: più un giocatore è bravo, meno colpi gli sono concessi per portare a termine il percorso. In Italia il giocatore può ricevere al massimo tre colpi in più a buca, che rapportati alle 18 buche di un giro convenzionale, è possibile avere al massimo 54 colpi di vantaggio. Molti giocatori ne potranno approfittare, per rapportare il proprio hcp al giusto livello di gioco. Naturalmente, perché il giro sia valido, il giocatore dev’essere seguito da un marcatore.
Il dilettante, quindi, ha avuto la sua riapertura; in Italia può giocarsi qualche gara, anche se non ufficiale. Nel professionismo, non è ancora tutto chiaro. La ripartenza è vicina per alcuni circuiti, e lontana per altri. Solo il Tour femminile coreano è ripartito: con il KLPGA Championship, andato in scena dal 14 al 17 maggio. Sempre con un occhio al pericolo della pandemia, verrà dato il via in condizioni di massima sicurezza con rigidi protocolli e, almeno per ora, a porte chiuse.
Per quanto riguarda i quattro Major maschili, ne verranno disputati solamente tre: è stato cancellato l’Open Championship. Vale la pena di ricordare che nel 1945, a causa della seconda guerra mondiale, di Major se ne giocò soltanto uno. Ecco ciò che succederà dei tre rimasti questa volta: l’US PGA Championship verrà disputato in California, il 6 agosto; l’US Open sarà a New York, il 17 settembre; il Masters Tournament all’Augusta National, il 12 novembre.
Non hanno patito cancellazioni i Major femminili, a subire variazioni sono state le date: l’Evian Championship si terrà il 6 agosto, come ogni anno a Evian-les-Bains sulle rive francesi del Lago di Ginevra; il British Open femminile, dopo una pausa di due anni, ritorna al Royal Troon nella casa del Golf in Scozia, dal 20 al 23 agosto; Il 49° LPGA ANA INSPIRATION si terrà a Rancho Mirage, in California, il 10 settembre; il KPMG Women’s Championship sarà in ottobre, e l’US Women Open, programmato a giugno, si giocherà a dicembre, ad Houston nel Texas.
Subisce un taglio anche il World Golf Championships. Si è giocato a febbraio in Mexico dove ha vinto Patrick Reed, ora sono stati confermati il FedEx St. Jude dal 30 luglio al 2 agosto, e l’HSBC Champions dal 29 ottobre al 1° novembre, due tornei, come di consueto molto ricchi.
Il PGA Tour, interrotto a metà stagione, riparte l’11 giugno con il Charles Schwab Challenge senza spettatori, e concluderà la stagione nella prima settimana di settembre, dopo i quattro eventi che assegneranno la FedEx Cup. Tra le prime partenze della prossima stagione verranno compresi l’US Open e il Masters, slittati, oltre al torneo gestito da Tiger Woods, e lo spettacolo QBE Shootout.
Il Tour LPGA, riprende il 23 luglio. In due delle quattro gare, ci sarà la partecipazione di Giulia Molinaro, unica azzurra, bella, sorridente, trent’anni a luglio, veneta di Camposampiero.
Nell’European Tour la situazione è complicata. Dopo il Qatar Masters c’è stato il blocco, tutto si è fermato. I responsabili dell’European Tour hanno più volte cambiato il calendario, compresa la data dell’Open Championship. Sarà una ripartenza macchinosa, che dovrà sottostare alle disposizioni dei vari Paesi, in ordine agli spostamenti tra nazioni. Degli incontri di maggior spessore è rimasto in piedi il British Masters.
C’è poi il Challenge Tour, e l’Alpen Tour, anche per questi circuiti è tutto da vedere.
Mentre l’ufficialità era ferma, negli USA c’è stato un fuori programma: un incontro tra Tiger Woods e Phil Mickelson, il bis del “Match Champions for Charity” di due anni fa. Una sfida a porte chiuse, in Florida, con in palio dieci milioni di dollari. Si è giocato il 24 maggio, questa volta in doppio, i rispettivi compagni di gioco erano due Campioni della National Football League. Woods che nel 2018 aveva perso, aveva come partner Peyton Manning, Tom Brady era il partner di Mickelson. Per Tiger sono stati due piccioni presi con una fava: la rivincita contro Mickelson, e la raccolta di 20 milioni di dollari da destinare alla lotta contro il Coronavirus. Woods e Manning hanno vinto di misura per 1 up, con gli avversari costretti ad arrendersi. L’entusiasmo di Tiger!!!
A margine, questa notizia: la federazione ha reintrodotto il tesseramento a 10 euro, per i neofiti che vorranno avvicinarsi a questo sport. Si pratica all’aria aperta, all’insegna del fair play, in contesti naturali belli e sani. È una disciplina coinvolgente, che offre benefici psico-fisici, maggiormente invocati in questo difficile momento di grave emergenza sanitaria.
Paolo Pilla