Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Leni Lorenzato, di 62 anni, muore investito

INVESTE UN PEDONE E POI TORNA A CASA

L'automobilista: "Pensavo di aver preso una buca"


PADOVA - Tragedia ieri a Vigodarzere in via Busiago, dove un pedone è stato investito e ucciso. Per Leni Lorenzato, di 62 anni, non c'è stato nulla da fare, è morto sul colpo.
A lanciare l'allarme un residente che ha chiamato i carabinieri della stazione di Noventa Padovana denunciando di aver visto un'auto che dopo aver investito una persona si allontanava. In realtà, successivamente, il proprietario dell'auto, un 69enne di Vigodarzere, è tornato sul luogo dell'incidente ed ha raccontato ai carabinieri di aver ricevuto un messaggio sul proprio cellulare da parte della propria compagnia assicurativa, che lo informava del fatto che, poco prima, il veicolo a lui intestato era rimasto coinvolto in un sinistro stradale.
Così si è recato nel garage della propria abitazione e in effetti la macchina precedentemente utilizzata dal figlio 31enne che vive con lui, presentava alcune macchie di sangue e danni al paraurti. Ha quindi richiesto spiegazioni al figlio che gli ha riferito che pochi minuti prima di rientrare a casa, mentre transitava in Via Busiago di Vigodarzere, ha probabilmente preso una buca sul manto stradale e, senza aver dato troppo peso alla cosa, ha fatto ritorno senza fermarsi. Il Magistrato, informato dai militari della Stazione di Noventa Padovana, ha disposto di procedere al sequestro del veicolo e di porre la salma a propria disposizione.
Sono in atto tutti gli accertamenti necessari per ricostruire l’evento e stabilire, con assoluta certezza, chi effettivamente si trovasse alla guida del veicolo. Per tale ragione, infatti, non si è proceduto all’arresto del responsabile dell’investimento, limitandosi, al momento alla denuncia in stato di libertà per il reato di omicidio stradale.