Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE GI GOLF/354: VA A DECHAMBEAU IL TORNEO DEDICATO AD ARNOLD PALMER

Molinarii, vincitore nel 2019, non supera il taglio


FLORIDA (USA) - Continua la corsa in Florida del PGA Tour. Il torneo in atto a Orlando, è l’Arnold Palmer a invito, in cui il nostro Francesco Molinari è il protagonista, tra i più prestigiosi. Una gara che l’azzurro ha già vinto nel 2019, dopo una hole in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/353: UOMINI & DONNE, SETTIMANA DI GRANDI TORNEI

Si sono giocati Wgc e PortoRico Open e Gainbridge Lpga


STATI UNITI - Questa settimana il PGA si sdoppia, mette in campo il World Golf Championships a Bradenton in Florida, e il Puerto Rico Open a Rio Grande in Porto Rico. Oltre a questi due, ad attrarre l’attenzione c’è il secondo evento stagionale del massimo circuito americano...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/352: FINALE A SORPRESA AL GENESIS, HOMA VINCE AL SUPPLEMENTARE

Il beniamino di casa supera all''ultimo giro Burns, sempre in testa


LOS ANGELES (USA) - Era alla 95esima edizione questo torneo del PGA Tour, a cui hanno partecipato ben otto tra i migliori dieci giocatori al mondo. Si è disputato al Riviera Country Club, nel Temescal Gateway Park, situato entro i confini della città di Los Angeles; un territorio...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giordani: "Padova cittą aperta, dalla parte dei diritti"

POLEMICA SUL MARCIAPIEDE COLORATO DI ARCOBALENO

Critiche dall'opposizione per il dipinto del Pride che quest'anno non ci sarą


PADOVA - Il ponte di Corso del Popolo si tinge di arcobaleno e la politica cittadina si spacca. Nell'ambito delle iniziative organizzate dal Comune con tutte le associazioni Lgbtqia della città di Padova, è stata dipinta la bandiera del Pride sul marciapiede di corso del Popolo. Un arcobaleno per il quale sono state utilizzate vernici non invadenti che si cancelleranno con il tempo e con la pioggia. L'intento è quello di celebrare il Pride che quest'anno non si potrà celebrare.
La decorazione del ponte non è per nulla piaciuta al centrodestra, e il primo ad andare alla carica è stato l'ex sindaco Massimo Bitonci: “Ecco un chiaro esempio del cattivo gusto dell'amministrazione. Non si tratta di una questione di idee o di simbologie, ma si poteva fare ben altro, vista la zona storica. Al peggio non c'è mai fine”, ha dichiarato l’ex sindaco. E rincarano la dose all’opposizione sul costo dell’iniziativa, di 3.000 euro, e sul fatto che “si sarebbe potuto fare un tricolore”.
A difendere l'iniziativa ieri ha provveduto, il sindaco Giordani: “Nel 2020 di discriminazione e odio si può ancora soffrire e morire - ha ribattuto a muso duro il sindaco -. Ecco il vero dibattito che dovremmo tutti affrontare. Padova città aperta e solidale non lo dimentica, vuole testimoniarlo e sta dalla parte dei diritti e delle vittime. In ogni caso, a me questo intervento piace”, ha concluso Giordani.