Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giordani: "Padova città aperta, dalla parte dei diritti"

POLEMICA SUL MARCIAPIEDE COLORATO DI ARCOBALENO

Critiche dall'opposizione per il dipinto del Pride che quest'anno non ci sarà


PADOVA - Il ponte di Corso del Popolo si tinge di arcobaleno e la politica cittadina si spacca. Nell'ambito delle iniziative organizzate dal Comune con tutte le associazioni Lgbtqia della città di Padova, è stata dipinta la bandiera del Pride sul marciapiede di corso del Popolo. Un arcobaleno per il quale sono state utilizzate vernici non invadenti che si cancelleranno con il tempo e con la pioggia. L'intento è quello di celebrare il Pride che quest'anno non si potrà celebrare.
La decorazione del ponte non è per nulla piaciuta al centrodestra, e il primo ad andare alla carica è stato l'ex sindaco Massimo Bitonci: “Ecco un chiaro esempio del cattivo gusto dell'amministrazione. Non si tratta di una questione di idee o di simbologie, ma si poteva fare ben altro, vista la zona storica. Al peggio non c'è mai fine”, ha dichiarato l’ex sindaco. E rincarano la dose all’opposizione sul costo dell’iniziativa, di 3.000 euro, e sul fatto che “si sarebbe potuto fare un tricolore”.
A difendere l'iniziativa ieri ha provveduto, il sindaco Giordani: “Nel 2020 di discriminazione e odio si può ancora soffrire e morire - ha ribattuto a muso duro il sindaco -. Ecco il vero dibattito che dovremmo tutti affrontare. Padova città aperta e solidale non lo dimentica, vuole testimoniarlo e sta dalla parte dei diritti e delle vittime. In ogni caso, a me questo intervento piace”, ha concluso Giordani.