Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Chiuso il salone, mancava anche il registro dei clienti

TREVISO, SANZIONATO PARRUCCHIERE IN VIALE NINO BIXIO

Personale e clientela: tutti senza la mascherina


TREVISO - Venerdì pomeriggio il Nucleo della Polizia Commerciale del Comando di via Castello d’Amore, nell'ambito dei controlli per il rispetto dell'ordinanza regionale anti Covid-19, ha effettuato un sopralluogo in un’attività di acconciatore che opera in viale Nino Bixio. All'interno del locale, gestito da un cittadino marocchino di 22 anni residente a Oderzo, sono stati sorpresi quattro operatori tutti privi di mascherine che stavano lavorando su altrettanti clienti, tre italiani e un albanese, anche loro senza alcun dispositivo di protezione. Oltre alla totale mancanza di mascherine, il titolare non aveva alcun registro della clientela in cui vanno annotati tutti i nomi per 14 giorni.
«Di fronte a violazioni palesi e così eclatanti gli agenti hanno elevato subito la sanzione prevista di 400 euro obbligando il titolare ad abbassare subito la serranda, procedendo alla chiusura dell'esercizio per cinque giorni», spiega il comandante della polizia locale, Andrea Gallo. «Il verbale sarà trasmesso alla Prefettura di Treviso che potrà disporre una ulteriore chiusura fino a 30 giorni. Anche a carico dei clienti è stata elevata una sanzione di 400 euro per il mancato utilizzo della mascherina».
I controlli per verificare il rispetto delle prescrizioni contro la diffusione del Covid-19 sono quotidiani: «Dopo la ripresa di tutte le attività economiche qualcuno pensa erroneamente che le misure anti contagio si siano allentate», aggiunge Gallo. «Invece, è proprio in questo momento che non si deve abbassare la guardia e le verifiche come quella al parrucchiere dimostrano che l'attenzione del comando per il rispetto dell'ordinanza regionale è sempre massima per la tutela della salute di tutti. Il caso riscontrato ieri mattina è grave ma isolato. Le attività economiche di Treviso stanno osservando scrupolosamente le prescrizioni di legge e proprio per questo è necessario essere rigidi con chi invece non si adegua al rispetto delle regole, mettendo a rischio anche il lavoro fatto dagli altri esercenti».