Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/325: NUOVI TALENTI AZZURRI IN LUCE AL CAMPIONATO NAZIONALE OPEN

Brindano il pro Giulio Castagnara e la dilettante Caterina Don


SUTRI (VT) - Nell’ambito del Progetto Ryder Cup, l’Italian Pro Tour mette in azione i protagonisti del golf, in un circuito di gare che coinvolge tutta la nazione da nord a sud.La più longeva gara italiana, a cui negli ultimi due giorni si attacca la relativa sezione femminile,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/324: RENATO PARATORE TRIONFA AL BRITISH MASTERS

Successo azzurro al primo dei tornei britannici dell'Eurotour


NEWCASTLE-UPON- TYNE (GB) - L’European Tour riprende il suo circuito con il Betfred British Masters, primo della serie dei sei tornei denominati “UK Swing”, programmati in Inghilterra e in Galles. I sei tornei, tutti a porte chiuse, terranno impegnati i migliori golfisti europei,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/323: IL FRANCESE STALTER VINCE L'EURAM BANK OPEN

Ancora in Austria il secondo torneo di Eurotour e Challenge


RAMSAU (AUSTRIA) - Ecco il secondo dei tornei organizzati in sintonia da European Tour e Challenge Tour, che hanno ripreso l’attività dopo quattro mesi di sospensione per l’emergenza coronavirus. L’Euram Bank segue dopo una settimana l’Austrian Open, oggetto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Infezione anche un 67enne e una sua familiare

TRE CASI DI CORONAVIRUS TRA KOSOVARI NELLA MARCA

Positiva una 55enne venuta a trovare la figlia


TREVISO - Allarme nella comunità kosovara della Marca dopo l’individuazione di tre casi di positività al coronavirus. L’ultimo in ordine di tempo riguarda una 55enne arrivata domenica dal paese balcanico per far visita alla figlia nel trevigiano. La donna avvertiva una febbriciattola persistente: il tampone a cui è stata sottoposta ha confermato l’infezione. Ora si trova in isolamento domiciliare. In quarantena preventiva anche tutti suoi familiari, a partire dalla figlia: nelle prossime ore anche loro saranno sottoposti al test.
Martedì era invece risultato positivo un uomo di 67 anni, residente nell’area del capoluogo e rientrato dal Kosovo il 17 giugno scorso. I casi non hanno alcun collegamento, si tratta di due nuclei familiari completamente distinti. Il 67enne, in realtà non presenta sintomi specifici del Covid ed è finito in ospedale per tutt’altro motivo: un infarto. Tanto che ha dovuto essere operato d’urgenza, con tutte le relative precauzioni, prima di poter conoscere l’esito del tampone. I risultati hanno poi confermato anche la sua positività. Da prassi i controlli sono stati estesi a tutta la famiglia (l’uomo non lavoro e questo ha permesso di restringere la cerchia dei contatti stretti): anche la nuora ha evidenziato l’infezione, mentre il figlio è negativo. Si attendono ora i risultati sulla moglie e i due nipotini.