Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Maschio: "L'opera deve tornare, è di tutti"

CONEGLIANO: BANDITI AL MUSEO DEL CASTELLO

Trafugata una testa di marmo


CONEGLIANO - L’opera in questione era posata su una colonnina.
Il Comune ha già sporto denuncia alla Polizia contro ignoti, ma sarà molto difficile risalire all’autore del furto. L’assessore Gaia Maschio ha affermato: «Siamo dispiaciuti, forse è stato un visitatore. L’opera deve tornare, è di tutti». La scoperta del furto risale alla fine di maggio, quando durante un controllo periodico dei beni conservati in castello all’appello mancava una testa marmorea di 20X10 cm. Probabilmente si è trattato di una bravata, anche perché il valore dell’opera non è altissimo e si tratta di un pezzo di difficile attribuzione temporale. L’appello del comune di Conegliano va quindi al ladro: “Speriamo che venga restituita”.