Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/326: DOPO TREDICI MESI SI TORNA A GIOCARE UN MAJOR

Elite mondiale a confronto nell'US Championship: vince l'emergente Morikawa


SAN FRANCISCO (USA) - Torna un major dopo tredici mesi! L’élite mondiale a confronto nel primo major stagionale.Si riparte con l’US PGA Championship, la 102ª edizione. il primo Major, l’Open Championship, era saltato, per la prima volta dal 1945. Era stato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/325: NUOVI TALENTI AZZURRI IN LUCE AL CAMPIONATO NAZIONALE OPEN

Brindano il pro Giulio Castagnara e la dilettante Caterina Don


SUTRI (VT) - Nell’ambito del Progetto Ryder Cup, l’Italian Pro Tour mette in azione i protagonisti del golf, in un circuito di gare che coinvolge tutta la nazione da nord a sud.La più longeva gara italiana, a cui negli ultimi due giorni si attacca la relativa sezione femminile,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/324: RENATO PARATORE TRIONFA AL BRITISH MASTERS

Successo azzurro al primo dei tornei britannici dell'Eurotour


NEWCASTLE-UPON- TYNE (GB) - L’European Tour riprende il suo circuito con il Betfred British Masters, primo della serie dei sei tornei denominati “UK Swing”, programmati in Inghilterra e in Galles. I sei tornei, tutti a porte chiuse, terranno impegnati i migliori golfisti europei,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Scoperta banda nel Trevigiano, 12 denunciati

TRUFFA E RICICLAGGIO DI AUTO RUBATE: ARRESTATO IL CAMPIONE DI RALLY ALAIN VALLE

Sequestrate 7 auto, tra cui 3 Ferrari


TREVISO - Associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di auto, truffa aggravata ed autoriciclaggio. Due le persone arrestate: il campione di rally Alain Valle (figlio del rallista Fabio) e il suo complice Marco Bortoluzzi.
Valle è ritenuto a capo di una organizzazione criminale capace di acquisire auto rubate o sottratte a società di noleggio, contraffare i documenti per poterle trasferire nella Repubblica Ceca dove i mezzi (apparentemente regolari per le autorità ceche) venivano "ripuliti" con una nuova e regolare immatricolazione straniera e poi di nuovo re-immessi nel mercato italiano.
In questo complesso meccanismo un ruolo importante è stato svolto da due società operanti nel settore della compravendita di auto e di un'agenzia di pratiche automobilistiche che falsificava i documenti delle vetture. Nel corso dell'operazione di Polizia sono state sequestrate sette auto.


Galleria fotograficaGalleria fotografica