Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sei studenti in manette: usavano metodi da malavita

BLOOD GANG A VITTORIO VENETO: ARRESTATI MINORENNI ESTORSORI

Le loro imprese poi finivano su Instagram


TREVISOHanno tutti tra i 16 e i 17 anni i sei studenti delle superiori arrestati alle prime ore di oggi dai carabinieri di Vittorio Veneto perché ritenuti appartenenti ad una baby gang che secondo le indagini estorceva denaro e altri oggetti, anche di valore, a coetanei. I giovani avevano imposto il controllo del territorio nella zona del vittoriese con metodi da malavita usando anche taglieggiamenti, estorsioni, schiaffi e pugni, (finora dieci gli episodi accertati), per ottenere denaro, a volte anche pochi centesimi. I ragazzi sono accusati, a vario titolo, di percosse, furto aggravato, rapina, minacce ed estorsione nei riguardi di coetanei, nel periodo ottobre 2018-giugno 2020. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal gip del Tribunale per i Minorenni di Venezia, su richiesta della Procura della Repubblica presso lo stesso Tribunale. Le indagini sono iniziate dalla scoperta, nel novembre 2019, sul social network Instagram, di un gruppo denominato Blood Gang che esaltava le azioni compiute, fiero del potere intimidatorio esercitato sul territorio.