Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Covid-19, assembramenti in discoteca

CHIUDE IL MURETTO DI JESOLO: "LA STAGIONE 2020 FINISCE QUI"

L'annuncio dei gestori su Facebook in seguito alle sanzioni


JESOLO - Salta la serata di Ferragosto della discoteca Il Muretto di Jesolo. I gestori hanno deciso di non riaprire. I motivi sono da ricondurre agli ultimi provvedimenti assunti dalle forze di polizia e dalla prefettura. Il post su Facebook è chiaro: «Il clima di avversione e attacco mirato nei nostri confronti impedisce di svolgere il nostro lavoro, ciò è grave e intollerabile, ci riserviamo ogni opportuna azione di coloro i quali, con valutazioni superficiali, pretenziose e ingiuste, hanno impedito il libero svolgimento dell’attività. Siamo delusi e stanchi di constatare che il nostro senso di responsabilità debba sostituirsi alle autorità competenti che appaiono solo in grado di reprimere la libera impresa. La stagione del Muretto finisce qui». Queste le parole del comunicato dei gestori Marco Piu e Tito Pinton.
Il 15 notte avrebbe dovuto esibirsi in consolle Carola, il dj internazionale che all’apertura del 25 luglio aveva calamitato l’attenzione di centinaia di giovani assembrati e senza mascherina che avevano scatenato polemiche, video sui social e sanzioni.
Il sindaco, Valerio Zoggia, invita a non essere ipocriti rivolgendosi anche al Governo e la Regione che hanno permesso alle discoteche di aprire. Già dopo la prima sanzione al Muretto, aveva preso le difese dei gestori, ammettendo che è quasi impossibile controllare i giovani per una notte intera in una discoteca.
Il Comune di Jesolo ha dato avvio alla procedura di verifica delle violazioni contestate alla discoteca dalle forze di polizia per l’attuazione di provvedimenti a carico dei titolari. Dopo il caso di Carola e della gente assiepata alla consolle, 400 euro di sanzione per il mancato rispetto delle norme anti-contagio, poi altri 5 mila euro di sanzioni sabato scorso per varie violazioni amministrative, con una relazione inviata alla prefettura per gli aspetti legati al rischio Covid.
Il procedimento, che ora coinvolge il Comune di Jesolo, segue una comunicazione ufficiale giunta nella mattinata di giovedì dalla prefettura di Venezia che ha invitato il Comune a valutare adeguati provvedimenti nei confronti della discoteca dopo le ultime verifiche di questi giorni e delle violazioni accertate alle norme sul contenimento di Covid-19.
L’avvio della procedura prevede come primo passo la disamina dei verbali emessi dalle autorità e delle osservazioni che saranno presentate dagli stessi titolari dell’attività con il loro legale, l’avvocato Gianmaria Daminato. Sulla base dei risultati, la giunta comunale deciderà i provvedimenti che potrebbero considerare anche la sospensione della licenza per l’attività di pubblico spettacolo.