Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Incidente sul lavoro in una ditta di Breganze

OPERAIO 35ENNE PRECIPITA DA OLTRE SEI METRI E MUORE

Giovanni Manente non ce l'ha fatta, deceduto al San Bortolo


MASSANZAGO - E' morto a causa di un grave infortunio sul lavoro Giovanni Manente, 35 anni, di Massanzago. Doveva effettuare lavori di manutenzione nella ditta in cui lavorava, a Breganze (VI) ed era salito su un carrello elevatore. La struttura su cui si trovava, però, ha improvvisamente ceduto. Il trentacinquenne, che come sempre era stato imbragato proprio per garantirsi la necessaria sicurezza in caso di caduta, ha sbattuto violentemente a terra rimanendo in parte schiacciato dalla piattaforma su cui stava lavorando, che è crollata al suolo. Sul posto in pochi minuti si sono portati oltre ai carabinieri e ai sanitari anche il personale dello Spisal. Il ferito è stato accompagnato in condizioni disperate all’ospedale San Bortolo di Vicenza. Nonostante ogni tentativo di salvarlo, Giovanni non ce l’ha fatta. I familiari hanno dato il loro assenso all’espianto degli organi. Il suo datore di lavoro Oscar Luisetto è apparso distrutto per quanto capitato: «É morto un bravo ragazzo, un operaio formato, perfetto per il lavoro che doveva svolgere. Ma quando si ribalta una piattaforma e cadi nel vuoto per sei metri è praticamente impossibile uscirne vivi».