Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Banda del bancomat tra Verona e Vicenza

ASSALTI AI BANCOMAT, PRESI IN UN CASOLARE CON ARMI ED ESPLOSIVI

Arrestati due malviventi dopo il pedinamento


VICENZA - Un 42enne di Camposampiero (Padova) e un 50enne di Asolo (Treviso), sono stati arrestati dai carabinieri di Verona e Vicenza in un'operazione tra i comuni berici di Montegalda e Longare. I due indagati, originari del Veneto, farebbero parte di una banda di soggetti esperti negli assalti con l'esplosivo ai bancomat. Tra le varie accuse figurano la detenzione di armi ed esplosivi, la ricettazione e il riciclaggio.
Il gruppo criminale, composto da almeno altri due complici che sono riusciti a fuggire nella campagna vicentina, sarebbe stato pronto a compiere degli assalti a sportelli degli istituti di credito delle province del Veneto, come appurato dal materiale rinvenuto all'interno di un'auto sequestrata ad uno dei malviventi.
Al mezzo, rubato ad un concessionario di Legnago (Verona), era stata apposta una targa clonata. I due malviventi sono stati pedinati per alcuni chilometri fino al loro arresto nei pressi di un casolare isolato a Colzè di Montegalda (Vicenza) dove avevano nascosto armi e congegni esplosivi.

Galleria fotograficaGalleria fotografica