Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/337: L'INGLESE MCGOWAN RE DEL 77° OPEN D'ITALIA

Migliore degli azzurri il vicentino Guido Migliozzi


POZZOLENGO - Giunge alla 77esima edizione l'Open d'Italia, massima rassegna del golf tricolore, nonché una delle più antiche dell’European Tour. Si gioca a porte chiuse allo Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo, splendido percorso che si estende attorno ad...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il duro lavoro dietro a un calice di Prosecco

AL VIA LA "VENDEMMIA EROICA" SULLE COLLINE UNESCO

Irti pendii e raccolta del Glera a mano: la tradizione continua


FARRA DI SOLIGO - Al via la vendemmia eroica sulle colline Patrimonio Unesco, paesaggio apprezzato in tutto il mondo per la sua conformazione particolare. E proprio in questo territorio, a Farra di Soligo, tra Valdobbiadene e Conegliano, avviene la cosiddetta “vendemmia eroica” nella quale produttori locali e contadini si “arrampicano” nel vero senso della parola tra i filari, sulle così denominate “rive”, per raccogliere i frutti della terra.
Lavoro duro, e molta cura nella raccolta dell’uva di tipo Glera, grappolo per grappolo.
Una raccolta fatta a mano, che richiede uno sforzo triplo rispetto alla vendemmia nei territori pianeggianti. Una vera e propria impresa che fa parte della tradizione locale, in cui ci si spacca letteralmente la schiena per arrivare poi a produrre un vino eccezionale: il Prosecco Superiore DOCG.
Viti centenarie, colline scoscese, e pendii che regalano, dopo la fatica della vendemmia, un prodotto di altissima qualità. E proprio qui, con la Vendemmia eroica, ci si può guadagnare la tipologia “Rive” in etichetta, che sta a simboleggiare la particolare provenienza dell’uvaggio, la posizione ben specificata del vitigno, e il duro lavoro che sta dietro ad ogni sorso di ottimo Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore.